spot_img
spot_img
spot_img
NotizieTutti i vincitori della...

Tutti i vincitori della terza edizione di Pizza DOC Awards 2023

Tutti i vincitori di “Pizza DOC Awards 2023”, la terza edizione di premiazione delle figure che si sono contraddistinte nel Mondo Pizza nell’anno solare che sta per concludersi.

Organizzati dalla Accademia Nazionale Pizza DOC, i Pizza DOC Awards sono un riconoscimento con cui l’Accademia premia l’approccio culturale, l’innovazione tecnica, il rischio imprenditoriale e la creatività comunicativa di uomini e donne che si sono particolarmente contraddistinti nel Mondo Pizza durante il corso dell’anno.

All’interno del Teatro Salone Margherita, fantastico teatro chantant sottostante la Galleria Umbero I, maestri pizzaioli, imprenditori, giornalisti, food creator e addetti ai lavori sono stati celebrati in un ambiente composto per lo più dagli attori principali del settore.

A presentare la serata di gala sono state 2 donne affermate nel loro settore: Adriana Petro, storica voce di Radio Kiss Kiss, e Rossella Pisaturo, presentatrice di punta di “Casa Sanremo” e speaker radiofonica che già presentato la nona edizione del Campionato Mondiale Pizza DOC dello scorso novembre.

LEGGI ANCHE: Pizza DOC Awards 2023, al via la terza edizione degli “Oscar” del Mondo Pizza

Queste le motivazioni ed i premiati ai Pizza DOC Awards 2023:

  • Diego Vitagliano, “Maestro Pizzaiolo, esempio di innovazione con radici ben piantate nella tradizionale scuola napoletana, che offre al cliente un’esperienza memorabile in pizzeria che parte da Napoli passa per il Qatar e arriva a Roma”;
  • Errico Porzio, “Pizzaiolo Social, punto di riferimento per nuove generazioni di pizzaioli, eccellente nel comunicare in modo semplice e diretto il Mondo Pizza”;
  • Gabriele Bonci, “Il Tempio della Pizza in Teglia Romana – panificatore, punto di riferimento e autentico rivoluzionario del Mondo Pizza”;
  • Sasà Martucci, “Maestro Pizzaiolo, eccelso nell’esaltare l’arte di fare la pizza in chiave contemporanea attraverso impasti innovativi, condimenti con ingredienti ricercati che valorizzano la sua terra di origine”;
  • Luciano Pignataro, “Per la lunga carriera da giornalista, dando lustro e dignità al Mondo Pizza attraverso la sua autorevole penna e il suo blog”;
  • La catena Grosso Napoletano, “Gruppo imprenditoriale della penisola Iberica che manifesta maestranze e competenze attraverso la selezione di eccellenze gastronomiche e collaboratori di qualità distribuiti in ogni pizzeria”;
  • Gian Andrea “Jana” Squadrilli, “Da food blogger a imprenditore eccelso nel raccontare su Instagram in modo chiaro e veloce il Mondo Pizza in continua evoluzione ed espansione”;
  • Eugenio “Gegè” Valentino, “Food blogger che racconta e valorizza il Mondo Pizza in modo magistrale su TikTok”;
  • Giuseppe Russo e Federica Franco de “Il mio viaggio a Napoli”, “Per il progetto “Il mio viaggio a Napoli”, passato dal mondo digitale a quello reale con una pizzeria ai Quartieri Spagnoli di Napoli”;
  • Isabella De Cham, “Pizzaiola che ha valorizzato la pizza fritta come piatto gourmet grazie ad una sapiente ricerca delle materie prime e agli abbinamenti con il vino”;
  • Enzo Coccia, “Capostipite della nascita di un nuovo corso del mondo pizza, incentrato sulla qualità e sulla valorizzazione dei prodotti tipici e territoriali”;
  • Giuseppe Cutraro, “Figlio di Napoli, ambasciatore dell’arte del pizzaiolo, tanto da esportare, promuovere e diffondere la Pizza Napoletana in Francia attraverso le sue pizzerie”;
  • Fabio Di Giovanni, “Fulgido esempio di una nuova generazione di pizzaioli, capace di innovare e sperimentare tutti i confini della pizza attraverso topping ed abbinamenti audaci”;
  • Jacopo Mercurio, “Eccellente espressione della rinascita della pizza tonda romana mescolando tradizione e innovazione per un prodotto unico”;
  • Angelo Rumolo, “Giovane Pizzaiolo cilentano affermatosi nel settore grazie alla sua perseveranza nel voler offrire prodotti identitari del suo territorio e soprattutto a km 0”;
  • Rosario Granieri, “Grandi capacità nel diffondere la propria Pizza Napoletana nella Grande Mela”;
  • Giuseppe Pignalosa, “Maestro Pizzaiolo, riferimento del mondo pizza, appassionato, tanto da portare la sua arte a Baku, esportando un pezzo dell’animus partenopeo e raccontando attraverso la pizza la nostra amata Italia”;
  • Javiera Contardo, “Divulgatrice dell’autentica Pizza Napoletana, dedita alla promozione e alla diffusione di tutti gli aspetti legati ad essa, impegnata in Cile, suo paese d’origine”;
  • Giuseppe Bove, “Maestro Pizzaiolo che ha reso la sua pizza un autentico piatto gourmet, in perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione, grazie alla creazione di topping e sapori ricercati”;
  • Daniele Gagliotta, “Ambasciatore della Pizza Napoletana nel Mondo, grazie alla quale è riuscito a ribaltare la storia della sua vita fino ad arrivare al Super Bowl 2023”;
  • Ivano Veccia, “Per il progetto Ischia Safari con il quale promuove e valorizza la vera cultura enogastronomica, quella della tradizione nazionale, delle regioni, delle città, dei borghi e delle campagne, ricca di un’esperienza millenaria unica al mondo”;
  • Raffaele Bonetta, “Pizzaiolo divenuto un vero guru per i professionisti, capace di rivoluzionare il settore attraverso la sua continua sperimentazione e ricerca”;
  • Vittorio Testa, vincitore della categoria “Pizza DOC Social” al nono Campionato Mondiale Pizza DOC.
© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...