spot_img
spot_img
spot_img
HomeNotizieToscana, dai droni alla...

Toscana, dai droni alla pizza il futuro è degli agroinnovatori

Sei racconti, sei storie d’eccellenza al centro del talk show “Alleviamo l’innovazione creativa”: il punto sul bando regionale e i primi obiettivi raggiunti. Sono le vicende degli agroinnovatori, i moderni contadini pronti a utilizzare la tecnologia per migliorare le loro produzioni, portando con sè il bagaglio di tradizione e pratiche rurali identitarie. 

Questa nuova figura professionale è stata la protagonista del talk show “Alimentiamo l’innovazione creativa”, trasmesso in diretta streaming da Palazzo Strozzi Sacrati, sede della Regione Toscana a Firenze. L’innovazione in agricoltura del resto risiede nel Dna dei toscani e infatti sta diventando attività sempre più fondamentale, che in quanto tale la Regione sostiene e valorizza.

Un settore che crea occupazione, equilibrio nell’ambiente e sul territorio. La Toscana in tal senso è una regione da primato, basti pensare all’alta percentuale di produzione biologica che l’ha collocata prima in Italia. Attraverso il bando dell’innovazione in agricoltura “Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie” sono stati messi a disposizione 7 milioni e 700mila euro che hanno permesso di finanziare ben 40 progetti pilota. Con questi fondi gli agroinnovatori stanno traghettando l’agricoltura toscana nel futuro con progetti e nuovi prodotti, pratiche e importanti successi.

Alcune delle storie degli agroinnovatori sono state raccontate attraverso i sei video realizzati dalla redazione di Intoscana.it. Uno spaccato sugli imprenditori agricoli dallo sguardo lungo, che hanno a cuore il loro lavoro e il Pianeta, e che soprattutto hanno dato alla creatività un posto d’eccellenza. 

LEGGI ANCHE: Pietralata – Pizzeria di Quartiere, dove la pizza ha i profumi e sapori di campagna

Uno dei progetti protagonisti del talk show riguarda la pizza toscana agricola e nutraceutica, tracciata grazie alla blockchain per un prodotto di qualità e soprattutto salutare. Pizza agricola valorizza la collaborazione tra agricoltori e pizzaioli pluripremiati con l’uso di prodotti bio (farine, olio, pomodoro made in Tuscany) già di alto valore nutrizionale. È così che si darà vita ad una pizza nutraceutica: un mix di ingredienti salutari per il nostro organismo, perchè sano può voler dire anche buono.

© Riproduzione riservata

Articoli correlati

Intesa Sanpaolo finanzia 10 milioni di euro da investire in sostenibilità all’industria casearia Ferrari Giovanni S.p.A.

Intesa Sanpaolo ha perfezionato un finanziamento di 10 milioni di euro con Garanzia di SACE al 90%...

Al siciliano Gioacchino Gargano il premio ‘Pizza e Mediterraneo’ della Guida Pizza & Cocktail Bar D’Autore di Identità Golose

Gioacchino Gargano, della pizzeria Saccharum ad Altavilla Milicia, a pochi chilometri da Palermo, conquista tutti con il suo...

Molino Dallagiovanna debutta a Identità Milano 2024 in una tre giorni di incontri e approfondimenti

Molino Dallagiovanna fa il suo debutto al Congresso di Identità Milano 2024, la cui diciannovesima edizione è in...

Protocollo d’intesa, con protagonista la pizza, tra le città di Ferrara e Pompei

Da Ferrara provengono le farine utilizzate da molti pizzaioli napoletani in Campania. Nasce così la volontà di...