spot_img
spot_img
spot_img
NotizieSuccesso per la pizza,...

Successo per la pizza, un simbolo italiano che vale 15 miliardi di euro

La pizza si conferma uno dei piatti più versatili della cucina italiana, con un fatturato che sale a oltre 15 miliardi di euro all’anno, uno dei piatti storici della tradizione culinaria italiana e patrimonio immateriale dell’Unesco dal 2017.

In Italia ci racconta la Coldiretti che si sfornano 2,7 miliardi di pizze all’anno che in termini di ingredienti significano durante tutto l’anno 200 milioni di chili di farina, 225 milioni di chili di mozzarella, 30 milioni di chili di olio di oliva e 260 milioni di chili di salsa di pomodoro.

La diffusione internazionale della pizza, però, ha anche favorito lo sviluppo di ricette che nulla hanno a che fare con l’originale: vengono usati gli ingredienti più fantasiosi, a partire proprio dai frutti tropicali come banane, ananas o noce di cocco, ma anche di dolci, come i marshmellow americani o il creme caramel, di specialità locali come le haggis, le interiora di pecore scozzesi, la carne australiana di canguro e coccodrillo o quella di renna finlandese, fino ad arrivare alle versioni con insetti, dai grilli alle cicale e con scorpioni.

LEGGI ANCHE: Le motivazioni del riconoscimento della pizza napoletana patrimonio dell’UNESCO

Comunque, in Italia, per garantirsi un prodotto tradizionale, più di quattro famiglie su dieci (44%)
preparano la pizza in casa
, sulla spinta della nuova passione per il fai da te in cucina, ma anche per poter scegliere personalmente gli ingredienti nostrani al 100%: dalla mozzarella alle farine di grano, dalle passate di pomodoro all’olio extravergine d’oliva, fino alle verdure e ai salumi.

“La passione per la pizza – afferma la Coldiretti – è planetaria, con gli americani che sono i maggiori
consumatori con i loro 13 chili di pizza a testa mentre gli italiani guidano la classifica in Europa con
7,6 chili all’anno consumati a persona, seguiti dagli spagnoli (4,3 chili), francesi e tedeschi (4,2 chili),
britannici (4 chili), belgi (3,8), portoghesi (3,6) e austriaci che, con 3,3 chili di pizza pro capite annui,
chiudono la classifica”.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Pizza Village 2024, Napoli esplode di gusto e musica

Il primo weekend del Pizza Village 2024 è un successo strepitoso, Napoli esplode di gusto e musica...

Pizza Week Milano 2024: il futuro della pizza è qui

Un'occasione unica per scoprire i segreti delle migliori pizze, le nuove tendenze del settore e gli abbinamenti...

Gambero Rosso presenta la Guida Pane e panettieri d’Italia 2025

La sesta edizione della Guida di Gambero Rosso è un elogio agli artigiani, capaci di far fronte...

Mario Nyari: “I giovani ungheresi vengono a Napoli per imparare i segreti della pizza”

Quest'anno abbiamo avuto il piacere di intervistare dei ragazzi che sono venuti a Napoli dall'Ungheria per imparare...