spot_img
spot_img
spot_img
Il ProtagonistaSitàrì, una pizzeria ad...

Sitàrì, una pizzeria ad Agrigento che valorizza i prodotti siciliani e l’identità del territorio

La pizzeria agrigentina, gestita ad Agrigento dalla famiglia Sorce dal 1990, raccoglie tutta la tradizione e l’innovazione nella preparazione della pizza, deliziando così il palato dei suoi affezionati clienti.

La pizzeria “Sitàri” (www.sitari.it), situata ai pressi del Villaggio Mosè ad Agrigento (Viale Leonardo Sciascia 286 – Tel. +39 0922 629921), è una pizzeria che sebbene giovane, va annoverata tra le novità più interessanti che si possano visitare in Sicilia.

All’età di 13 anni Giorgio, figlio di Lino, fondatore della pizzeria, ha iniziato a lavorare nell’attività dello zio, affiancandolo durante le varie preparazioni. Dopo circa sei anni, apprese tutte le tecniche del mestiere, e fatta un’esperienza a Sidney in una pizzeria napoletana, Giorgio e il fratello Filippo hanno deciso di aprire la pizzeria Sitári cambiando gli impasti per dare una nuova impronta e un’identità al loro prodotto.

LEGGI PURE: La pizzeria Sitàri, una giovane realtà agrigentina che entra tra le big in Sicilia

La pizzeria è predisposta di un confortevole spazio intero a vetri a cui si aggiunge un’area esterna dove sono dislocati una buona parte dei posti (90 all’interno e 40 all’esterno) che permettono di trascorrere una piacevole serata, degustando delle pizze intriganti e non banali. L’arredamento è di impronta giovanile, la mise en place dei tavoli è molto semplice ed intuitiva, infatti la carta del sotto piatto fornisce al clienti la possibilità di scegliere le pizze.

Questa pizzeria punta soprattutto all’innovazione, attuata grazie all’esperienza e alle tecniche acquisite negli anni da Giorgio che oggi è riuscito ad acquisire una chiara identità professionale, tralasciando la tradizionale pizza solitamente preparata nella zona agrigentina, proponendo un impasto diverso e alternativo, con una percentuale di idratazione più elevata, utilizzando una materia prima accuratamente selezionata e ingredienti esclusivamente di stagione con la prevalenza di prodotti Slow Food.

Un’eccellenza in ambito regionale suggellata dalla vittoria nel contest “Migliori Pizzerie di Sicilia 2021“. Dopo 3 settimane intense alla fine di una battaglia serrata che ha visto competere nella prima edizione ben 56 pizzerie di tutta la Sicilia che si sono affrontate con spirito combattivo, l’esito e l’epilogo finale ha premiato con 5.111 voti la pizzeria agrigentina che già si era distinta nelle due fasi iniziali, confermando il favore e il consenso ottenuto con una certa coerenza.

LEGGI PURE: Migliori pizzerie della Sicilia, per i fratelli Sorce oltre 5mila voti: è vittoria assoluta

Oggi la famiglia Sorce offre tre impasti: il primo è il classico, preparato con un mix di farine di tipo 1 macinata a pietra, tipo 0, grano duro, un secondo ottenuto dalle migliori selezioni di grani antichi siciliani macinati a pietra di cui russello, margherito, maiorca e del grano arso tostato, dando all’impasto profumi e sapori particolari con una lievitazione e maturazione di 24 ore. Invece l’ultimo è un impasto leggero e friabile realizzato con un mix di grano tenero tipo 0 e riso venere con una lievitazione e maturazione 48 ore. Assolutamente interessante la proposta invernale della panificazione che viene realizzata usando farine e grani tipici del territorio siciliano con l’utilizzo del lievito madre.

“Sitàrì” riesce a trasmettere alla propria clientela la consapevolezza della scelta di prodotti di qualità. Le abbiamo degustate per voi e vi possiamo assicurare che troverete delle pizze dal gusto inconfondibile, quasi tutte hanno un bella croccantenza e acidità bilanciata che rappresenta il punto di forza dei pizzaioli Sorce, per questo siamo sicuri che vi trasmetteranno delle sensazioni ed emozioni molto interessanti.

Nubia

Nubia; pelato siccagno di Valledolmo km 0 saltato in padella con aglio rosso di Nubia , fior di latte, chips di melanzane fritte, gocce di pesto di basilico, petali di ricotta salata dei Nebrodi. – Questa pizza valorizza la specificità dell’Aglio di Nubia, presidio Slow Food ed esalta la genuinità dei prodotti dell’entroterra siciliano. 

Tra tutte merita certamente una menzione speciale, dal momento che la ricercatezza e l’elaborazione la rende un’esperienza unica. Croccantezza, acidità e dolcezza ben equilibrate la rendono non solo una semplice pizza ma un vero piatto gourmet da assaporare.

Pantelleria

Nella Pantelleria troverete ingredienti freschi: pelato siccagno di Valledolmo km 0 saltato in padella, stracciatella, filetti di tonno al naturale pinna gialla, capperi di Pantelleria, olive Taggiasche, olio EVO, origano, basilico.

Una pizza dai sapori prettamente mediterranei dove l’eccellenza e la qualità suggellano il mix gradevole tra prodotti della terra e del mare, caratteristiche che la rendono una pizza complessa con una buona acidità e croccantezza, assolutamente ideale per i clienti più esigenti.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...