spot_img
spot_img
spot_img
NotizieSfincione Festival, il weekend...

Sfincione Festival, il weekend al SanLorenzo Mercato dedicato ai migliori sfincioni della Sicilia

Dal 17 febbraio a SanLorenzo Mercato in sfida Bagheria, Monreale, Balestrate oltre e Palermo, in quattro postazioni speciali, per vincere l’ambito premio. Non mancheranno degustazioni, showcooking e una giuria di esperti.

Dal 17 al 19 febbraio Sanlorenzo Mercato ospita la sfida delle sfide: al centro del contendere lo sfincione, il re del cibo di strada. Venerdì 17 febbraio e sabato 18 febbraio a partire dalle ore 18 e domenica 20 febbraio sia a pranzo che a cena saranno in gara BagheriaMonrealeBalestrate e Palermo, territori simbolo di una tradizione gastronomica antica. Quattro prodotti con lo stesso nome, ma totalmente differenti tra loro, quattro modi diversi di concepire la “pizza dei siciliani”, in quattro postazioni gestite da panificatori esperti di ogni territorio rappresentato.

Saranno proprio i fornai del territorio a presentare così la propria eccellenza, in una sfida all’ultimo sfincione che decreterà un solo vincitore. Si va da Bagheria, con l’Antica Forneria Scaduto, vincitrice dell’edizione 2019, a Balestrate con il panificio Da Nanà, premiato con due pani del Gambero rosso, passando per Palermo con QCINU, il Forno del Mercato, fino a Monreale con il panificio Massaro Giovan Battista di Monreale.

Ospite speciale lo sfincione bagherese dell’Antica Focacceria dal 1856, con uno showcooking ad hoc domenica mattina alle 12.00 che vedrà Giuseppe Urso  in una prova dimostrativa insieme a Massimo Scaduto dell’Antica Forneria Scaduto per lo sfincione bagherese ed Enrico Oliva del panificio Da Nanà per lo sfincione rosso palermitano.

LEGGI ANCHE: LO SFINCIONE FESTIVAL RITORNA AL MERCATO SANLORENZO DI PALERMO

Lo sfincione palermitano (classico con pomodoro, cipolla, acciughe e caciocavallo) si scontrerà dunque con l’amatissima versione bagherese (bianco, alto, con ricotta e mollica), con quello di Balestrate che proporrà due versioni dello sfincione rosso palermitano (una tradizionale e una rivisitata) e con quello rosso monrealese.

Con un apposito ticket di dieci euro, si potranno fare cinque assaggi le specialità presenti, in un confronto aperto e diretto con il produttore che ne spiegherà origine e caratteristiche, tra aneddoti e curiosità. Spazio anche allo sfincione gluten free di Le Bontà senza Glutine, che si potrà degustare al prezzo di € 6 nelle due versioni – bianco e rosso.

Ma non solo. Con il ticket degustazione si avrà anche la possibilità di votare il proprio sfincione preferito, contribuendo così a decretare il vincitore. Per farlo, basterà girare per le postazioni con il proprio ticket e provare le singole specialità esprimendo il proprio voto.

Accanto alla giuria popolare, ci sarà una giuria di esperti che avrà come presidente il giornalista Gianni Paternò. Al suo fianco l’agronomo, scrittore e storico dell’enogastronomia mediterranea Mario Liberto e la giornalista Viviana Prester, impegnati insieme per decretare il nuovo campione del Festival.

L’evento gastronomico, con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana, nasce con l’Associazione La Piana D’Oro e la collaborazione della nostra redazione All Food Sicily e ha come obiettivo quello di promuovere e valorizzare le eccellenze gastronomiche siciliane. Infatti, per tutto il 2023 Sanlorenzo Mercato si arricchirà di festival gastronomici a tema nel weekend di ogni fine mese, coinvolgendo addetti ai lavori, ma anche semplici appassionati, per un viaggio sensoriale tra i prodotti di punta della cucina siciliana.

Inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT), lo sfincione è tipico della città di Palermo e dintorni. Si dice che fosse di origine araba e che ha trovato in Sicilia la sua diffusione. Il nome “sfinciuni” deriva dall’aggettivo “sfincia”, ossia “soffice”. Secondo altri l’avrebbero inventato le suore del Monastero di San Vito a Palermo e sarebbero state proprio loro ad arricchire per prime la pasta della pizza doppiamente lievitata con pomodoro, acciughe e caciocavallo.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Ciro Salvo raddoppia a Napoli e apre 50 Kalò in Piazza della Repubblica

A dieci anni dalla nascita di 50 Kalò, Ciro Salvo raddoppia in città. Una nuova pizzeria, concepita...

Orgoglio Veneto, una pizza in aiuto dei territori alluvionati della regione

Pizza creata da Dino Forlin per aiutare chi ha subito danni e chi sta lavorando per ripristinare...

I migliori 5 stand al Tuttopizza 2024. Le sorprese e le novità di questa edizione

Tuttopizza è divenuto il luogo dove vengono definite le tendenze del settore pizza in Italia e come in...

Da De Martino, Pavone, Palmigiano e Pellone. I cooking show di Molini Riggi al TuttoPizza 2024

In occasione della 7a edizione del "TuttoPizza" di Napoli vi raccontiamo i cooking show di questi giorni...