spot_img
spot_img
spot_img
Pizza del WeekendPizza del weekend: Top...

Pizza del weekend: Top Sicily, la pizza contemporanea nella tecnica e Vulcanica nel gusto

Pizza del weekend questa settimana approda ad Acireale, città barocca adagiata fra le pendici del vulcano Etna e il mar Jonio, dove si trova Vulcanica una pizzeria da asporto innovativa di ispirazione napoletana-contemporanea dai sapori vulcanici.

La pizzeria “Vulcanica Pizzeria Contemporanea” ubicata in una delle zone centrali della movida acese, a pochi passi dalla bellissima Piazza Duomo (Corso Sicilia, 42 Acireale CT –095 836 3930) nasce il 12 febbraio 2021 dall’idea geniale di Alberto Spina e Alessandro Scavino, tecnologici alimentari e colleghi di lavoro da vecchia data.

Un giorno come tanti, rinchiusi in casa durante il primo lockdown, decidono di inseguire il loro desiderio più grande: realizzare una pizza diversa dall’anima napoletana ma dal tocco siciliano da offrire a chi, come loro, è attento alla qualità dell’alimentazione. Mentre Alberto si cimenta nella ricerca dell’impasto, Alessandro inizia a selezionare ingredienti di alta qualità per realizzare farciture dal gusto unico e “vulcanico”.

Si tratta di un progetto fatto di eccellenza e contemporaneità, con un occhio particolarmente attento alla scelta dei migliori ingredienti locali, stagionali e Slow Food come i pomodori Pachino, il pistacchio di Bronte DOP o il piacentino ennese DOP, per creare un’esperienza sensoriale unica.

Alessandro Scavino e Alberto Spina

Il punto forte della pizzeria è l’impasto che si presenta fragrante, morbido ed elastico e principalmente genuino; per realizzarlo vengono utilizzate le migliori farine macinate a pietra, come la partenopea Nuvola del Mulino Caputo o le farine di grani antichi siciliani, varietà Russello e Timilìa, a basso tenore glutinico. Per una maturazione dell’impasto lenta e naturale viene utilizzato solo lievito madre vivo, in grado di garantire sapore e digeribilità, lasciato lievitare per almeno 48 ore.

Tutto questo porta alla creazione di una pizza contemporanea gustosa, soffice e scioglievole, con bordi a canotto alti e ben alveolati.

Dunque, nessun segreto ma solo tanta trasparenza nei confronti del cliente, ricerca e passione, come dimostra la presenza del lievito madre esposto all’interno di una teca della pizzeria.

Lievito madre

Un concept che porta alla creazione di un’offerta gastronomica selezionata per soddisfare i gusti e le esigenze di tutta la clientela: dalle “vulcaniche” alle pizze “gialle“, non mancano le “verdi“, la pizza del mese e la sorprendente pizza fuori menu. Vulcanica però riesce perfettamente a trasmettere la consapevolezza dell’eccellenza delle materie prime e il loro aspetto salutistico, senza tralasciare il gusto, con la pizza Mediterranea realizzata con farina integrale di grani antichi siciliani; una pizza equilibrata da 800 Kcal.

Difficile scegliere tra queste succulente pizze da assaporare (prenotando anche da QUI) comodamente a casa grazie al servizio di asporto e consegna a domicilio, o nel delizioso dehor con posti a sedere realizzato secondo un design minimal e moderno.

La pizza protagonista di questo weekend è la Top Sicily, un omaggio alla generosa cultura gastronomica siciliana. La tendenza dolce e la spiccata freschezza della stracciatella si combina con la sapidità e l’aromaticità del pesto con pistacchi, del formaggio nero di Sicilia e con il salame di suino nero dei Nebrodi. Una pizza caratterizzata da un’importante struttura e complessità gusto-olfattiva, resa dinamica nel sapore grazie all’incredibile gioco di consistenze del gelée di vino nero d’Avola, della granella di pistacchio Bronte DOP e della verza rossa. Un tripudio di sapori e profumi vulcanici che avvolgono il palato e la rendono irresistibile.

LEGGI ANCHE: Pizza del weekend: “polpo a colori”, l’impasto cotto con ciottoli di fiume firmata Davide Di Chio

Impasto e topping

Impasto contemporaneo di grani antichi Russello e Timilia, ad alta idratazione, lievitato esclusivamente con lievito madre a temperatura ambiente (18°C) per 24 ore.

Stracciatella, pesto con pistacchi di Sicilia e sale di Trapani, formaggio nero di Sicilia, salame di suino nero dei Nebrodi, gelée di vino nero d’Avola, granella di pistacchio Bronte DOP, verza rossa tagliata alla julienne.

Abbinamento

Alessandro e Alberto sono dei veri innovatori e amanti del buon gusto, tanto da decidere di offrire il meglio anche per una combinazione pizza-birra davvero perfetta. Da abbinare la loro linea di birre vulcaniche (bionda o rossa) prodotte a Km zero, composte da una miscela dei migliori malti di orzo, grano e luppoli, per un gusto armonico e sorprendente.

Per chi invece ama accompagnare la pizza con un buon calice di vino, la scelta è quella di un un vino rosso di carattere e strutturato, proprio come un Nerello Mascalese corposotannico e persistente dai profumi speziati e fruttati.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...