spot_img
spot_img
spot_img
Pizza del WeekendPizza del weekend: "polpo...

Pizza del weekend: “polpo a colori”, l’impasto cotto con ciottoli di fiume firmata Davide Di Chio

Pizza del weekend questa settimana approda ad Andria, in Puglia, nell’affascinante realtà gastronomica Alterego Pizza Boutique, ricca di storia e di prelibatezze culinarie.

In Puglia, esattamente nella città di Andria celebre nel mondo per il Castel del Monte ma ricca anche di tante altre attrattive ed eccellenze enogastronomiche, si trova Alterego Pizza Boutique (Via Felice Cavallotti, 29 Andria BT – Tel. 327 227 1347) una realtà dove il tempo è scandito dalla lavorazione degli impasti leggeri e fragranti, dalla freschezza e dalla qualità dei prodotti usati, dal rispetto per la stagionalità e dalla tutela dei sapori originari.

Patron di questa giovane pizzeria, nata il 24 aprile 2023, è Davide Di Chio pizzaiolo d’arte. Già dall’età di 15 anni Davide comincia il suo percorso di formazione all’interno della cucina e nel settore dell’arte bianca, riuscendo in poco tempo a mostrare la sua arte con la creazione di pizze dall’impasto leggero e fragrante in combinazione con abbinamenti e cotture ricercati, innovativi. “Le mie pizze esprimono i viaggi, gli esperimenti e le mie origini” dichiara Davide Di Chio.

Davide Di Chio

Tutti elementi che gli hanno permesso di ricevere “L’Arcimboldo d’Oro 2023”, ovvero la statuina che premia le pizzerie e i pizzaioli italiani ed esteri, ad opera del magazine del settore enogastronomico L’arcimboldo.

LEGGI ANCHE: Pizza del weekend: la “Messinese di mare” ai sapori di Sicilia firmata Concetto Fiorentino

Le pizze di Davide Di Chio sono curate in ogni minimo dettaglio, originali e mai banali, gustose ma attente all’estetica; caratterizzate da colori vivaci, profumi avvolgenti e sapori in grado di raccontare la sua arte, creatività e i numerosi viaggi intrapresi nel corso degli anni.

A tutto questo si unisce una fase di sperimentazione che interessa l’impasto, cotto secondo tre differenti metodologie: classico in forno a legna, fritta e con ciottoli di fiume. QUI il video.

Preparazione

Con quest’ultima cottura viene realizzata la pizza protagonista di questo weekend: “polpo a colori” realizzata con farina di Tipo 1, l’uso del metodo indiretto, idratazione al 90% e 72 ore di lievitazione. La pizza viene prima cotta con ciottoli di fiume e una volta rimossi dalle cavità, che naturalmente hanno formato nell’impasto oltre a rilasciare un’intensa aromaticità, si passa al topping che agli occhi di chi si appresta all’assaggio appare come una brillante tela di colori.

Polpo cotto a bassa temperatura e ripassato in forno a legna, spuma di mozzarella, ricotta e pecorino, salsa di pomodoro San Marzano, crema di porri confit, salsa di datterino giallo, salsa di sedano e olive nere disidratate. Questi sono tutti gli ingredienti che rendono questa pizza speciale, dal tocco gourmet.

Abbinamento

La presenza di un ingrediente come il polpo dalle interessanti e intense note gusto-olfattive (spiccata tendenza dolce e untuosità), la grassezza e la delicata sapidità della ricotta in sinergia con il particolare metodo di cottura dell’impasto, richiedono in abbinamento un vino bianco di media struttura, giovane, con un’ottima intensità di profumi e soprattutto nel gusto. Perfetto con un Sauvignon Blanc o un Franciacorta Brut Docg.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...