spot_img
spot_img
spot_img
Pizza del WeekendPizza del weekend: "La...

Pizza del weekend: “La parmigiana viaggiatrice”, la pizza del futuro de 180g Pizzeria Romana

Pizza del weekend questa settimana approda a Roma e precisamente da 180g Pizzeria Romana, la prima pizzeria a valorizzare questo prodotto tanto da inserire in menù una sezione chiamata “rinascimento della pizza romana”.

Gentilezza, professionalità, amore per gli impasti tutto questo è 180g Pizzeria Romana (Via Genazzano 32, Roma), la pizzeria che ha riportato in auge la pizza romana bassa e scrocchiarella; protagonista di questo straordinario progetto lo chef-pizzaiolo Jacopo Mercuro, uno dei talenti più brillanti della pizza romana e la sua squadra.

Negli ultimi anni il mondo della pizza è sempre stato un continuo evolversi, compreso quello della succulenta pizza romana uscita dalla sua “zona di comfort” proprio grazie all’intraprendenza di un giovane pizzaiolo come Jacopo, autore del progetto “BACK TO THE PIZZA”, ovvero la voglia concreta di portare l’antica tradizione della pizza romana nel futuro

Jacopo Mercuro e la sua squadra

Un progetto che ha permesso a questa giovane realtà di affermarsi in breve tempo a livello nazionale e non solo, tanto da posizionarsi al 9° posto della 50 Top Pizza World 2023 e nel podio al 5° 50 Top Pizza Italia 2023. La maestria tecnica di Jacopo in sinergia con la sua squadra gli ha permesso di ottenere l’ambito titolo di Pizzaiolo dell’Anno 2022 – Latteria Sorrentina Award.

LEGGI ANCHE: Pizza del weekend: broccoli baresi, corazza di Scottona e datterini. La succulenta Barese de I Caporale

Esterno

Merita una menzione speciale l’ambiente unico che ospita questa straordinaria realtà: 70 coperti in una sala assolutamente accogliente caratterizzata dalla luce naturale che penetra dalle grandi finestre che circondano l’intero spazio. Una vera chicca è la cucina a vista.

Il concept su cui si basa 180g Pizzeria Romana è incentrato sulla creazione di un impasto indiretto con lunghi tempi di fermentazione e stesura a mano. Tra gli ingredienti segreti la passione e l’amore per l’arte della pizza romana, fondamentali per migliorarsi e stupire con un prodotto che si evolve e mantiene sempre alta la qualità. “Non è solo tecnica, è una questione di cuore” dichiara lo chef-pizzaiolo Jacopo Mercuro.

Il suo menu è un viaggio che dal Mediterraneo conduce verso luoghi e piatti d’eccellenza, da Est a Ovest. Su questa base trovano spazio farciture classiche, ma anche una serie di topping dall’impronta innovativa e ricca di ricordi dal sapore orientale proprio come “La parmigiana viaggiatrice” eletta Pizza dell’Anno 2023 Latteria Sorrentina Award impreziosita con pomodoro, melanzane fritte, babaganoush al siero di bufala, crema allo zaalouk, parmigiano reggiano vacche rosse, basilico, menta e polvere di lime.

La parmigiana viaggiatrice

Un vero e proprio caleidoscopio di colori, profumi e sapori in grado di stupire e deliziare i palati della più amata pizza italiana: la parmigiana. Si tratta di una pizza che vuole mettere in discussione le sue diverse declinazioni, cercando di capire le sue origini. Ecco che Jacopo, con uno spirito creativo ineguagliabile, ha immaginato un viaggio all’interno di alcuni Paesi del Mediterraneo dove i protagonisti sono le preparazioni che hanno come ingrediente principe proprio le melanzane.

Si parte dal Medio Oriente con il Babaganoush una crema a base di polpa di melanzana, tahina e menta; poi si fa tappa in Marocco con la crema allo zaalouk, una purea tipica della cucina marocchina e araba, a base di melanzane e pomodoro e con un intenso aroma speziato. Fino a tornare in Italia con tutte le sue tipiche preparazioni. prodotti tipici. Un viaggio fatto di sapori nuovi, avvolgenti, esplosivi e intensi il tutto racchiuso all’interno di una pizza romana firmata Jacopo Mercuro.

Non rimane che assaggiarla all’interno della confortevole location e perché no, anche prepararla in casa in pochi passi questo weekend.

Impasto

Tempo impiegato per l’impasto 24 ore.
Primo giorno
850g farina media forza
382g acqua
8g lievito fresco

Secondo giorno
150g farina debole
198g acqua
27g sale
60g olio extra vergine d’oliva
5g malto

Topping

Pomodoro pelato schiacciato a mano, 70g melanzane fritte a cubetto, Babaganoush (100g melanzane, 10g siero di bufala, 10g succo lime, 10g olio evo, 3g pepe tellicherry, 10g thaina, 10g aglio e menta) 70g melanzane, aglio, 5g curcuma, 50g pomodoro pelato, 5g succo lime, prezzemolo, sale, 10g olive nere, 8g paprika, Parmigiano Reggiano, menta, basilico, polvere di lime.

Abbinamento

Un calice di bollicine a dosaggio Brut è in grado di avvolgere e pulire il palato, con una spiccata freschezza gustativa per bilanciare la spiccata aromaticità e tendenza dolce degli ingredienti usati per il topping.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Ciro Salvo raddoppia a Napoli e apre 50 Kalò in Piazza della Repubblica

A dieci anni dalla nascita di 50 Kalò, Ciro Salvo raddoppia in città. Una nuova pizzeria, concepita...

Orgoglio Veneto, una pizza in aiuto dei territori alluvionati della regione

Pizza creata da Dino Forlin per aiutare chi ha subito danni e chi sta lavorando per ripristinare...

I migliori 5 stand al Tuttopizza 2024. Le sorprese e le novità di questa edizione

Tuttopizza è divenuto il luogo dove vengono definite le tendenze del settore pizza in Italia e come in...

Da De Martino, Pavone, Palmigiano e Pellone. I cooking show di Molini Riggi al TuttoPizza 2024

In occasione della 7a edizione del "TuttoPizza" di Napoli vi raccontiamo i cooking show di questi giorni...