spot_img
spot_img
spot_img
Pizza del WeekendPizza del weekend: la...

Pizza del weekend: la “Messinese di mare” ai sapori di Sicilia firmata Concetto Fiorentino

Pizza del weekend questa settimana approda a Siracusa nella pizzeria del giovane e brillante Concetto Fiorentino, oggi riconosciuta come uno dei luoghi in Sicilia più interessanti dove gustare pizze speciali.

Era ora Ortigia, situata nei pressi del Ponte Santa Lucia ad Ortigia (Via Riva Giuseppe Garivaldi 10 – Tel. +39 3270113454), è una pizzeria nata dall’ambizioso progetto di due giovani ragazzi Concetto Fiorentino e Veronica Greco, cultori per eccellenza dell’ospitalità e della pizza di alta qualità, dai profumi inebrianti e dal gusto innovativo e contemporaneo.

La passione per il mondo dei lievitati e l’amore per le materie prime del territorio sono i due principali fattori che hanno portato i due giovani ragazzi, compagni di vita e nel lavoro, a investire nel settore della ristorazione e in particolare in quello della pizza contemporanea. Insieme sono riusciti a realizzare un’offerta gastronomica vincente, dai tratti innovativi, grazie alla maestria di Concetto nella realizzazione di una pizza a regola d’arte insieme a un’importante esperienza lavorativa nel settore della ristorazione della compagna Veronica Greco, che con grande professionalità cura tutti i dettagli in sala per soddisfare le richieste della clientela.  

LEGGI ANCHE: Pizza del weekend: “La parmigiana viaggiatrice”, la pizza del futuro de 180g Pizzeria Romana

Concetto Fiorentino e Veronica Greco, titolari di Era Ora Ortigia

Un binomio fatto di grande preparazione e passione, oggi punto di forza della pizzeria Era Ora Ortigia, che ha permesso a Concetto di ottenere importanti riconoscimenti come i due spicchi Gambero Rosso, la sua partecipazione a Casa Sanremo nel 2022 e nello stesso anno il titolo di miglior Pizzaiolo Emergente secondo la Guida Pizzerie d’Italia 2022 del Gambero Rosso.

La pizzeria da poco restaurata, dispone di un confortevole spazio interno dal tocco estroso e creativo che unito alla suggestione delle antiche mura migliora l’accoglienza con un’atmosfera magica e avvolgente dove assaporare varie tipologie di pizza: dalla classica pizza tradizionale alla pizza napoletana contemporanea, la pizza fritta, quella senza glutine, la super Crunch, la pizza al padellino Low Carb e quella multicereali.

Sala interna

L’impasto si caratterizza per un processo di maturazione di 36 ore così da rendere le sue creazioni soffici e fragranti. Interessante la scelta delle materie prime utilizzate infatti, già dal menu si evince un’attenta ricerca per gli ingredienti del territorio e non solo.

Non rimane che assaporarle all’interno della nuova location e perché no, anche prepararle in casa in pochi e semplici passi.

La pizza protagonista di questo weekend è la “Messinese di mare” una pizza napoletana contemporanea con un impasto ad alta idratazione, a lunga lievitazione e con cornicioni pronunciati, friabili e morbidi. Il suo sapore racchiude tutti gli elementi che identificano l’Isola: il gambero rosso di Mazara e l’immancabile profumo di agrumi come quello dell’arancia.

Impasto

Lavorazione dell’impasto con un prefermento solido avviato al 50%. Idratazione finale 75%.
Prefermento freddo
500 g farina “SUPERIORE” Linea Origine
275 ml acqua
2 g lievito
Rinfresco
400 g farina “IDEALE” Linea Origine
100 g farina Integrale Molino Casillo
475 ml acqua T.A.
5 g di lievito di birra
30 g. sale
20 ml olio evo

Per il prefermento freddo in una ciotola inserire 500 g di farina, 2 g di lievito e mescolare il tutto. Aggiungere 275 ml di acqua lentamente evitando grumi. Successivamente porre l’impasto in frigo per 18/20 ore a 4-6 °C.
Trascorso il tempo, il prefermento è pronto per aggiungere la farina “IDEALE” ed “INTEGRALE” della LineaOrigine, il sale e l’acqua poco per volta.

Quando l’impasto avrà assorbito tutta l’acqua inserire il restante olio evo e impastare per altri 3 min. Una volta che l’impasto risulterà liscio e omogeneo sarà pronto.
Porre l’impasto su un banco da lavoro per circa 15 minuti per poi procedere con lo staglio, ovvero la porzionatura, in panetti da 285 gr per una pizza contemporanea da 32 cm. Posizionare i panetti in un contenitore con coperchio e aspettate che lieviti per 3-4 h.
Dopo le 3-4 ore di lievitazione stendere l’impasto avendo cura di lasciare un leggero cornicione e passare al topping. Cuocere a 450°C in forno statico per circa 90 secondi.

Topping

Crema di scarole, stracciata di bufala, pomodoro giallo semi dry, gambero rosso di Mazara, zest di arancia, elisir di gambero rosso.

Abbinamento

La polpa del gambero rosso caratterizzata da una spiccata tendenza dolce richiede un vino con un’incisiva ed equilibrata freschezza e sapidità. A queste caratteristiche rispondo i vini rosati dell’Etna delicati, profumati e con un’incisiva nota sapida; tutte sensazioni gusto-olfattive provenienti dalle migliori uve autoctone cresciute su un terreno vulcanico e minerale come quello siciliano.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...