spot_img
spot_img
spot_img
HomeIl ProtagonistaPietralata - Pizzeria di...

Pietralata – Pizzeria di Quartiere, dove la pizza ha i profumi e sapori di campagna

Pietralata – Pizzeria di Quartiere nasce, come si evince dal nome, per essere un punto di riferimento per il quartiere Pietralata, zona di Roma Est non lontano dal centro.

Pietralata – Pizzeria di Quartiere, oltre alla sua proposta food and drink, si propone come luogo nevralgico e fulcro della zonaluogo d’incontro conviviale che a breve, con questo suo nuovo corso, inaugurerà una serie di eventi food e non solo, tra green, musica, talk, presentazioni e incontri con i produttori delle materie prime utilizzate per la creazione del menu del locale.

Ora inaugura la stagione estiva presentando il suo nuovo menu, tra grandi classici e pizze special. Materie prima selezionate con cura da aziende agricole e da fornitori/amici di prossimità (foraging incluso) – con un occhio di riguardo alla filiera sostenibile e controllata – e tanto spazio al ‘botanico’. Un esempio su tutti: la nuova Pizza ‘Selvatica’, una focaccia realizzata con un blend di 12 erbe di campo, fiori, germogli, ogni giorno diversi in base alla disponibilità, crema di ceci, bufala e albicocche.

Il fattore ‘agricolo’ e botanico’, fortemente presente nel nuovo menu, non è un caso: la location si trova in una ex area industriale, dal sapore urban e dal fascino industrial, ma posizionata al centro di un’importante area verde sulle rive del fiume Aniene, la Riserva Naturale del Fiume Aniene, un grande parco naturale di circa 700 ettari all’interno della città. Inoltre non distante sorge anche la Riserva Naturale della Marcigliana, che si estende per più di 4.000 ettari.

Gli artefici di tutto sono: Enrico Varani (il pizzaiolo), Daniele Pecci (lo chef) e Federico Fantin (il responsabile di sala e sommelier). I tre lavorano in piena sinergia: Enrico si occupa delle pizze, dagli impasti ai topping, e alla preparazione giornaliera del pane (sì, da Pietralata si fa anche il pane); Daniele si dedica nella definizione – insieme ad Enrico – dei condimenti delle pizze, degli antipasti (fritti creativi, bruschette special, polpette e altro) e dei dolci; Federico gestisce ogni giorno la sala ed è sempre pronto a consigliare il pairing perfetto (vino, bollicine, cocktail, drink analcolici e altro).

Cuore pulsante di Pizzeria di Quartiere è la pizza, risultato di un connubio di antiche tradizioni e tecniche nuove. Un blend di farine integrali italiane BIO macinate a pietralieviti naturali, tecniche innovative e 48h di lievitazione conferiscono all’impasto leggerezza e genuinità. La cottura nel forno la rende croccante fuori e più soffice dentro e i topping sono realizzati con prodotti sempre freschi e genuini. È una pizza che sfugge alle catalogazioni: non è né romana né napoletana, la si può definire una sorta di ‘pizza all’italiana’, che arriva all’87% di idratazione, dunque davvero molto digeribile.

LEGGI ANCHE: Allegrìo, il nuovo locale a Roma protagonista con pizze e dessert d’autore

Il nuovo menu estivo ruota tutto intorno alle materie prima selezionate con cura, alla filiera corta e al fattore agricolo: piccole aziende di prossimità con le quali Pietralata Pizzerie di Quartiere ha instaurato rapporti intensi e sinceri.

Ci sono i grandi classici – coma la Margherita, la Diavola e la Fiori di Zucca e Alici – e le pizze special che meglio esprimono la filosofia del locale – come la Margherita Daltonica (focaccia con crema di datterino giallo, bufala, cacioricotta, basilico rosso, berberè), la Quattro Latti (mozzarella, selezione di quattro formaggi, mostarda, mele), la Pepperon de Pepperoni (pomodoro, crema di peperoni, burrata, peperone crusco, nepitella), la Selvatica (focaccia, blend di 12 erbe di campo, fiori, germogli, crema di ceci, bufala, albicocche) o la Bottega Pasolini (che prende il nome da un fornitore di materie prime eccellenti, una focaccia con coppa di maiale semi-brado umbro, rucola, bufala, gel di agrmumi).

Per il menu pranzo c’è una variazione: le pizze vengono proposte in formato rettangolare, una forma che è un po’ una via di mezzo tra un pizza in teglia e un padellino, ma l’impasto è lo stesso della pizza tonda presente a cena.

Tutte le materie prime utilizzate sono frutto di una selezione accurata, e sono scelte prediligendo la filiera corta e l’agricoltura sostenibile. Una scelta fatta tra piccoli produttori, per celebrare la terra e i suoi frutti all’insegna del green. Tra i nostri fornitori/amici di Pietralata – Pizzeria di Quartiere: Azienda Agricola Pizzi, Molino Rosso, Molino Mariani, Di Cecca, Oasi Kadir, Bottega Pasolini, Azienda Agricola Berardi.

© Riproduzione riservata

Articoli correlati

Errico Porzio apre un’altra pizzeria a Nola in provincia di Napoli

Errico Porzio ha aperto l'ennesima pizzeria. Il locale si trova a Nola, sulla Variante 7 bis e...

Cédric Grolet, il pasticcere più famoso dei social, apre un nuovo bar a Parigi

Uno dei pasticceri più famosi al mondo e dei social, Cédric Grolet, apre un nuovo bar a...

Giorgio Cecchini vince la puntata dedicata all’Umbria de Il Forno delle Meraviglie in onda su Real Time

Giorgio Cecchini, proprietario del Forno “Cecchini dal 1958” di Marsciano, a vincere l’ultima puntata de “Il Forno...

Arriva la pizza con lo champagne al posto dell’acqua nell’impasto

Due bottiglie di Veuve Clicquot Brut vengono utilizzate per creare un'impasto per un totale di circa 30 pizze. I proprietari...