spot_img
spot_img
spot_img
HomeNotiziePietra in grani, a...

Pietra in grani, a Pietraperzia la pizza della resilienza declinata all’innovazione

Un’idea chiara di qualità che incontra la convinzione di educare, innovando la tradizione: è questo l’obiettivo di Pierluigi Bellavia, patron della pizzeria Pietra in grani (Strada Vicinale Magazzinazzo snc – +39 09341930252), pizzaiolo da più di dieci anni che ha deciso di intraprendere una strada professionale autonoma dopo varie esperienze presso altre pizzerie.

Il progetto di per sé si realizza nel 2021, e si colloca territorialmente in punto tanto strategico quanto complicato, Pietraperzia, in provincia di Enna. Nonostante fossero pervenute proposte per aprire in città molto più ambiziose, è stata ferrea la volontà di far scoprire una pizza nuova di qualità, coprendo le falle di un territorio fin troppo legato a tradizioni vetuste e legate all’economicità, il cui risultato è inevitabilmente mediocre.

Dopo qualche difficoltà iniziale il pubblico si è allargato sempre più, apprezzando moltissimo la nuova offerta, dimostrando che alle volte la resilienza è il punto focale da cui partire per avviare un’attività che si differenzi dalle altre presenti nello stesso territorio.

La pizza eccelle per due elementi fondamentali: qualità di lavorazione dell’impasto e materie prime di prima scelta. Partendo proprio dall’impasto, è proposto utilizzando farine bio semi integrali macinate a pietra dall’unico mulino ad acqua in Sicilia – Mulino Storico La Timpa – con un mix di grani antichi (perciasacchi, timilia) per lavorarlo poi con lievito madre e metodo biga, che prevede un rinfresco con farine di grani antichi.

Pizza Sole Siciliano

Anche per il topping vengono utilizzati ingredienti di assoluta qualità e presidi slow food quali, alici di Cetara, suino nero dei Nebrodi, capperi di Salina o il pomodoro sammarzano. La ricerca dell’ingrediente rappresenta lo snodo fondamentale per ogni preparazione; si evitano infatti ingredienti di origine industriale per favorire lo sviluppo dei piccoli artigiani, diffondendo la bontà dei singoli ingredienti. Esempio su tutti la mozzarella di bufala: il fornitore è un’azienda campana certificata bio con circa un centinaio di mucche, aspetto che esalta la qualità del prodotto finale.

Riassunto perfetto della filosofia di Pierluigi è la Pizza Sole Siciliano, con alici di Cetara, bufala dop, datterino giallo in crema e pomodorino confit. Le qualità organolettiche della farina utilizzata per l’impasto insieme agli ingredienti di assoluta eccellenza donano alla pizza un risultato che merita una visita.

© Riproduzione riservata

Articoli correlati

Al siciliano Gioacchino Gargano il premio ‘Pizza e Mediterraneo’ della Guida Pizza & Cocktail Bar D’Autore di Identità Golose

Gioacchino Gargano, della pizzeria Saccharum ad Altavilla Milicia, a pochi chilometri da Palermo, conquista tutti con il suo...

Molino Dallagiovanna debutta a Identità Milano 2024 in una tre giorni di incontri e approfondimenti

Molino Dallagiovanna fa il suo debutto al Congresso di Identità Milano 2024, la cui diciannovesima edizione è in...

Protocollo d’intesa, con protagonista la pizza, tra le città di Ferrara e Pompei

Da Ferrara provengono le farine utilizzate da molti pizzaioli napoletani in Campania. Nasce così la volontà di...

NBA: l’allenatore dei Toronto Raptors dopo la terza vittoria di fila offre la pizza a tutta la squadra

A fine partita, dopo aver battuto gli Indiana Pacers per 130-122, i giocatori di Toronto hanno iniziato...