spot_img
spot_img
spot_img
NotiziePastry Best 2024: al...

Pastry Best 2024: al via il simposio sulla pasticceria contemporanea

È stata annunciata la settima edizione di Pastry Best, il simposio tecnico esperienziale sulla pasticceria italiana contemporanea, organizzato ogni anno dalla scuola di Petra Molino Quaglia, e di scena il 19 e il 20 febbraio nell’antico molino della famiglia Quaglia. 

Si tratta di due giorni pensati con un format esclusivo di lavoro a squadre, che stimola il dibattito tra i partecipanti e crea opportunità concrete di crescita professionale, sia sul piano tecnico, sia su quello del marketing. Le iscrizioni sono già aperte, fino al 10 febbraio: è possibile iscriversi QUI

Dedicato esclusivamente a professionisti che lavorano nell’ambito della pasticceria, Pastry Best permette infatti di entrare in una community di specialisti aperti alla condivisione delle reciproche esperienze lavorative, con lo scopo di migliorare le proprie competenze, il grado di conoscenza dei mercati di riferimento e le moderne tecniche di comunicazione. Il titolo di questa settima edizione è “Tradizione e intelligenza artificiale” e analizzerà come l’intelligenza artificiale stia entrando velocemente nelle attività di pasticceria e in quelle della ristorazione.

Pastry Best comprende sia attività di natura tecnica – come impasti, farce, ricette, pairing con bevande, soluzioni di servizio –  sia laboratori legati al marketing e alla gestione economica dell’azienda.

LEGGI ANCHE: Medaglia d’argento per l’Italia alla Coupe d’Europe de la Pâtisserie

Il simposio avrà come fil rouge il passaggio generazionale nella pasticceria italiana, con un’agenda ricca di spunti e che toccherà argomenti tra cui: tecniche di produzione economicamente sostenibili, attenzione alla filiera degli ingredienti di base, apertura alla cucina e al mondo dei vegetali, il rapporto tra tradizione e intelligenza artificiale, lettura dei nuovi comportamenti di acquisto dei consumatori finali, tecniche di comunicazione social per la promozione della propria pasticceria, tecniche utili ad affrontare i cambiamenti indotti da alta inflazione, e tanto altro ancora.

Saranno presenti relatori d’eccellenza, come Anna Prandoni (giornalista, direttore Linkiesta Gastronomika), Francesco Corrado Assenza (pasticcieri e patron Caffè Sicilia a Noto – SR), Piergiorgio Parini (cuoco), Andrea Rundo e Fabrizio Mancinetti (esperti in impasti di prodotti salati in Università della Farina), Luca Giannino (tecnologo alimentare e ricerca su impasti in Università della Farina), Davide Ferrante (pasticciere sviluppo nuove ricette di pasticceria in Università della Farina), Tommaso Venturini (sommelier e patron di Stilla a Colognola ai Colli – VR) e Piero Gabrieli (Direttore Marketing Petra Molino Quaglia).

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Nessun cambio per la 50 Top Pizza. Un’altro ex aequo per Vitagliano e Martucci

La sua 10 Pizzeria di Bagnoli a Napoli condivide il gradino più alto del podio della 50...

I volti della Caputo‘s Cup al Coca-cola Pizza Village di Napoli

Al Coca-cola Pizza Village di Napoli abbiamo avuto modo di intervistare pizzaioli provenienti dai quattro angoli del...

In Sicilia la pizzeria Saccharum è la migliore per 50 Top Pizza

Non si fermano i riconoscimenti per Saccharum, pizzeria ad Altavilla Milicia, a pochi chilometri da Palermo, del pizzaiolo Gioacchino...

Da Svario la pizza romana si esalta con i cocktail

L’abbinamento tra pizza e cocktail è uno dei trend dominanti nella scena contemporanea. Per bilanciare alcuni topping...