spot_img
spot_img
spot_img
NotizieNevelata presenta la prima...

Nevelata presenta la prima cheesecake alla pizza

Nevelata è la prima cheesecakeria d’Italia, sita nel cuore di Milano, che offre diverse versioni di questo dolce dalla carbonara al recente gusto pizza.

A Milano da qualche mese è presente per i più golosi e amanti dei gusti particolari il primo locale completamente dedicato alla cheesecake: Nevelata (Via Pietro Calvi, 29 Milano – Tel. 02 97108721)

Un progetto che nasce dalla volontà del suo fondatore, Marco Centonza, 38 anni originario di Milano: “Viaggiando per il mondo, dal Giappone alla Florida, fino a New York, passando per Chicago, ho pensato a come poter reinventare la classica cheesecake utilizzando come base gli ottimi formaggi tipici italiani come il mascarpone, il gorgonzola, la burrata e la ricotta di capra. Questo creando versioni uniche, che si differenziassero al massimo da quelle standard americane”.

Le torte fresche e preparate giornalmente nel laboratorio interno con ingredienti autoctoni selezionati e prodotti d’eccellenza italiana. Si possono scegliere tra 7 versioni dolci e 7 versioni salate, con proposte anche per celiaci, vegetariani e vegani.

Dalla versione tipica romana della “carbonara”, a quella “milanese” con risotto allo zafferano ed ossobuco. Da quella con burrata, tarallini pugliesi e pomodorini, a quella dolce al gusto di cannolo siciliano. Per i più tradizionalisti non mancheranno le classiche versioni come la New York cheesecake con amarene sciroppate o mascarpone e caffè.

 La cheesecake salata alla pizza

Di recente Nevelata ha lanciato la Chicago – Milano, la nuova cheesecake salata alla pizza. Un tributo alla città di Chicago, dove viene servita la famosa deep dish pizza, una variante della pizza dai bordi alti, burrosi e ricca di formaggi filanti, e di Milano, capitale italiana del food experience.

La Chicago-Milano ha la base di impasto della pizza croccante, misto di formaggi italiani mixati con la nevelata cream cheese, mozzarella filante dei caseifici piacentini, basilico ligure, passata di pomodoro Pera d’Abruzzo, quenelle di ricotta di pecora sarda, origano ed olio extravergine di oliva toscano bio. Viene cotta in forno per oltre un’ora per poi essere servita calda.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Pizza Village 2024, Napoli esplode di gusto e musica

Il primo weekend del Pizza Village 2024 è un successo strepitoso, Napoli esplode di gusto e musica...

Pizza Week Milano 2024: il futuro della pizza è qui

Un'occasione unica per scoprire i segreti delle migliori pizze, le nuove tendenze del settore e gli abbinamenti...

Gambero Rosso presenta la Guida Pane e panettieri d’Italia 2025

La sesta edizione della Guida di Gambero Rosso è un elogio agli artigiani, capaci di far fronte...

Mario Nyari: “I giovani ungheresi vengono a Napoli per imparare i segreti della pizza”

Quest'anno abbiamo avuto il piacere di intervistare dei ragazzi che sono venuti a Napoli dall'Ungheria per imparare...