spot_img
spot_img
spot_img
NotizieNasce la certificazione per...

Nasce la certificazione per i laboratori che usano il lievito madre da rinfresco

Il Consorzio per la Tutela del Lievito Madre da Rinfresco ha l’obiettivo di certificare il sistema di lavorazione di chi usa lievito madre fresco al fine di tutelare la qualità.

In collaborazione con A.L.S. Italia, il Consorzio per la Tutela del Lievito Madre da Rinfresco sta lavorando a un programma di audit aziendali per certificare il sistema di lavorazione di chi usa lievito madre fresco per produrre grandi lievitati, pane, croissant e molto altro. L’obiettivo è tutelare la qualità, custodire un patrimonio immateriale della tradizione artigiana ma anche sensibilizzare il consumatore a una scelta consapevole.

Sono 15 le prime aziende candidate al processo di verifica per l’ottenimento della certificazione che tutela il sistema di lavorazione delle produzioni dolci e salate, piccole e grandi, preparate con impiego esclusivo del lievito madre da rinfresco.

Con questa azione, il Consorzio s’impegna ad accompagnare la crescita professionale delle imprese ma anche a tutelare un patrimonio artigianale che consiste nella gestione del lievito madre da rinfresco, simbolo della panificazione, della pasticceria e della ristorazione italiana. L’azione di tutela si esercita attraverso il riconoscimento di un insieme di valori identificati in un marchio; la sorveglianza attraverso un sistema di verifica e di controllo da parte di un Ente terzo indipendente; la protezione, in caso di illeciti, con un sistema sanzionatorio; la conservazione e l’implementazione dei principi redatti nella Carta dei Valori nel tempo.

LEGGI ANCHE: Pizza, come farla senza che la notte venga sete

Le aziende candidate al processo di verifica

​Per la Lombardia: Anna Sartori di Pasticceria Sartori (Erba, Como), Mario Bacilieri di Pasticceria Bar Cioccolateria Bacilieri dal 1986 (Marchirolo, Varese) e Grazia Mazzali di Grazia Mazzali di Pasticceria Mazzali (Governolo, Mantova); per il Friuli-Venezia Giulia: Antonio Follador di Forno Follador (Pordenone) e Luca Diana di Diana La Pasticceria (Pordenone); per il Piemonte: Fabio Ciriaci di Gusto Madre (Alba, Cuneo); per il Veneto: Renato Bosco di Saporè (San Martino Buon Albergo, Verona), Daniele Lorenzetti di Pasticceria Lorenzetti (San Giovanni Lupatolo, Verona) e Denis Dianin di D&G Patisserie (Selvazzano Dentro, Padova); per l’Emilia Romana: Ivo Corsini di Forno Corsini dal 1875 (Porretta Terme, Bologna); per la Toscana: Paolo Sacchetti di Pasticceria Caffè Nuovo Mondo (Prato); ​ per l’Abruzzo: Angelo Di Masso di Pasticceria Pan dell’Orso (Scanno, Aquila); per la Campania: Salvatore De Riso di Sal De Riso (Costa d’Amalfi, Salerno), Giuseppe Pepe di Pepe Maestro Dolciere (Sant’Egidio del Monte Albino, Salerno) e Carmen Vecchione di Dolciarte (Avellino).

Come diventare socio

​Per ricevere informazioni sul Consorzio è possibile scrivere una mail all’indirizzo: info@consorziotutelalievitomadre.it.
La modulistica per inoltrare la richiesta di partecipazione al Consorzio per la Tutela del Lievito Madre da Rinfresco è disponibile sul sito: https://www.consorziotutelalievitomadre.it/.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...