spot_img
spot_img
spot_img
NotizieNasce il progetto Petra...

Nasce il progetto Petra Evolutiva per creare un nuovo cereale autoctono

Petra molino quaglia ha presentato la nascita del grano tenero evolutivo piemontese “furat”, nel corso di due masterclass a torino in occasione di “disquisito”. petra evolutiva è un progetto di sviluppo della filiera agroalimentare biologica più rispettosa dell’ambiente e sostenibile economicamente.

Il progetto Petra Evolutiva ideato da Petra Molino Quaglia è arrivato in Piemonte. Nel corso di Disquisito – il primo festival di Mercato Centrale con Linkiesta Gastronomika e Il Post, a cura di Anna Prandoni e Luca Sofri, tenutosi a Torino gli scorsi 19, 20 e 21 aprile – l’azienda di Vighizzolo D’Este (PD) ha annunciato la nascita della prima popolazione di grano tenero evolutivo Furat, madre di un nuovo cereale autoctono piemontese, ed espressione futura dei grani antichi portatori di biodiversità.

Il progetto Petra Evolutiva, nato in Sicilia sette anni fa insieme all’agricoltore Giuseppe Li Rosi, si propaga così in più regioni d’Italia (dopo essere già approdato in Sicilia, Lazio, Marche, Puglia, Lombardia) con la semina dello stesso miscuglio di semi di grano tenero (Furat di Li Rosi) e la nascita di popolazioni di grano tenero biologico diverse da regione a regione e da annata in annata. Il progetto Petra Evolutiva è una risposta concreta allo sviluppo di una filiera agroalimentare biologica più rispettosa dell’ambiente e sostenibile economicamente per tutti i suoi attori, grazie a un meccanismo di “adozione” che lega fin dalla semina panettieri, pizzaioli e pasticcieri ai contadini (che coltivano il grano con il metodo evolutivo) e al micro-molino di Petra (dedicato esclusivamente alla macinazione di piccoli lotti,  per garantire la perfetta tracciabilità della farina fino alla tavola).

LEGGI ANCHE: Slow Grains Italia, valorizzare i grani antichi per un futuro sostenibile

L’annuncio è avvenuto nel corso delle due masterclass che Petra Molino Quaglia ha tenuto a Disquisito: la prima, a cura di Chiara Quaglia – Amministratore Delegato di Petra Molino Quaglia – dal titolo “Come si fa la farina”, e la seconda, condotta da Piero Gabrieli – Direttore Marketing di Petra Molino Quaglia -, intitolata “Tutto quello che sai sui grani antichi (probabilmente) è sbagliato”. Le masterclass si sono concluse con una tasting session di Petra Evolutiva (raccolto 2023) guidata da Massimiliano Prete, pizzaiolo patron di Sesto Gusto Torino, che ha preso in carico la prima semina in Piemonte. Entrambe le masterclass sono state legate da un tema comune, ovvero il progetto Petra Evolutiva, che è stato portato in Piemonte con la prima semina dello scorso anno e che darà vita a giugno al primo raccolto di grano tenero evolutivo ambientato in Piemonte.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Ciro Salvo raddoppia a Napoli e apre 50 Kalò in Piazza della Repubblica

A dieci anni dalla nascita di 50 Kalò, Ciro Salvo raddoppia in città. Una nuova pizzeria, concepita...

Orgoglio Veneto, una pizza in aiuto dei territori alluvionati della regione

Pizza creata da Dino Forlin per aiutare chi ha subito danni e chi sta lavorando per ripristinare...

I migliori 5 stand al Tuttopizza 2024. Le sorprese e le novità di questa edizione

Tuttopizza è divenuto il luogo dove vengono definite le tendenze del settore pizza in Italia e come in...

Da De Martino, Pavone, Palmigiano e Pellone. I cooking show di Molini Riggi al TuttoPizza 2024

In occasione della 7a edizione del "TuttoPizza" di Napoli vi raccontiamo i cooking show di questi giorni...