spot_img
spot_img
spot_img
NotizieNasce a Las Vegas...

Nasce a Las Vegas la pizza Cacio&Pepe, la più amata negli States

La novità proviene dal Fancy Food Winter di Las Vegas dove, gli americani hanno dimostrato tutta la loro passione per due prodotti che da sempre amano: la pizza e il Pecorino romano.

La novità, voluta dal Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano che da Macomer, nel cuore della Sardegna, continua ad aprire la strada a nuove idee e sperimentazioni, è stata infatti l’inserimento, all’interno dello stand, di un angolo per la preparazione di pizze offerte in due semplici ricette, “Pizza Cacio & Pepe” e “Pizza Pomodoro & Pecorino Romano”.

L’idea nasce dal fatto che la pizza è e rimane uno dei prodotti più consumati negli Stati Uniti e proprio negli Usa viene esportato circa il 40% del Pecorino Romano prodotto (33mila tonnellate nell’ultima campagna) che arriva dalla Sardegna, con un fatturato annuo di 600 milioni (le altre zone di produzione sono Lazio e provincia di Grosseto).

LEGGI ANCHE: Attacco ecologista alla pizza: per gli americani inquina

Non solo, gli americani amano moltissimo anche il Pecorino Romano: il connubio non poteva che essere vincente. “Questa iniziativa ha trovato molto riscontro da parte dei visitatori che hanno potuto apprezzare il valore del nostro formaggio, amatissimo dagli americani, nella semplicità delle ricette proposte. Per noi si è trattato certamente di un test, mai prima d’ora era stata proposta la pizza come offerta di assaggio: un test che è andato benissimo e che sicuramente riproporremo alle prossime manifestazioni in programma a New York”, dice il presidente del Consorzio Pecorino Romano, Gianni Maoddi.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati del Fancy di Las Vegas e di come gli americani che sono venuti a trovarci nel nostro padiglione hanno accolto la proposta pizza – aggiunge il direttore del Consorzio, Riccardo Pastore – La sfida in cui il Consorzio è quotidianamente impegnato è quella di valorizzare il Pecorino Romano proponendolo con formule innovative ma nel pieno rispetto della tradizione”.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...