spot_img
spot_img
spot_img
Nuove ApertureMT PIZZA: gli specialisti...

MT PIZZA: gli specialisti della tonda romana a domicilio aprono il secondo punto vendita nella Capitale

Raddoppia l’offerta di MT Pizza, gli specialisti della tonda romana a domicilio. Alla sede storica nel quartiere Talenti si affianca ora il nuovo punto a San Giovanni, una delle aree più nevralgiche di Roma.

MT è la prima pizzeria a Roma pensata e studiata per essere solo da asporto e delivery. La loro peculiarità consiste nel puntare sulla pizza romana esclusivamente in consegna.  E per conseguire un risultato ottimale si lavora su un diverso bilanciamento dell’impasto e una ricerca costante per ottimizzare la catena del caldo. Questi elementi rendono di fatto un unicum la pizza romana di Daniele Minna e della sua famiglia.

Fina, croccante, dal bordo leggermente bruciato e arriva direttamente a casa in pochi minuti, questi i must.

Siamo stati i primi a puntare sulla consegna a domicilio, ben prima del periodo del covid, e questo ci ha permesso di perfezionare il nostro prodotto. Una pizza diversa, di una categoria a parte, quella della tonda romana a domicilio: bassa, scrocchiarella, stesa a mano e dall’immancabile bordo leggermente bruciato” racconta Daniele Minna.

L’attività della famiglia Minna nasce nel 2013 nel quartiere Talenti di Roma come pizzeria in teglia, tavola calda e pizza tonda romana e nel 2015, con l’arrivo del consulente marketing, poi socio, Claudio Cicchilli, arriva il cambio di rotta e il focus sulla pizza tonda romana destinata all’ asporto e al delivery. Sin dal principio Daniele, pizzaiolo e proprietario classe ‘89, immagina diversamente l’impasto, facendo alcuni aggiustamenti per raggiungere l’obiettivo desiderato: una pizza gustosa, scrocchiarella e calda da mangiare a casa con la stessa qualità e attenzione di quando si mangia una pizza al piatto in pizzeria.

LEGGI ANCHE: Fermento nella Capitale: San Biagio Pizza e Bolle sbarca all’EUR

Partendo dall’impasto, la miscela di farine pensata e bilanciata da Daniele è un mix di farina tipo 0, farina tipo 1 e semola. La stesura, a dispetto della classica romana stesa a mattarello, avviene esclusivamente a mano e la cottura viene gestita in minor tempo e ad una temperatura più elevata in un forno elettrico.

La pizza ha un impasto diretto lievitato 48 ore, è stesa a mano e ultimata con topping elaborati da Daniele e dallo chef Mattia Gentile. I condimenti sono quindi frutto di uno studio di ricette sempre nuove e ben bilanciate da Daniele, dallo chef e da tutto lo staff di cucina. La farina è del Molino Fagioli di cui Daniele è ambassador.

In aggiunta alle accortezze sostanziali per rendere la pizza più croccante, è altrettanto fondamentale il lavoro di ricerca con il socio Claudio Cicchilli sulla catena del caldo.

L’ultima novità è una borsa termica che assorbe l’umidità rilasciata dal calore della pizza e che mantiene una temperatura fino a 15 gradi in più di quelle comuni.

Nonostante il cartone, la pizza rimane anche per 20 min, nonostante il tempo massimo stimato di consegna è di 12 minuti, calda senza perdere croccantezza al morso.

L’obiettivo è aprire almeno cinque punti vendita a Roma per ampliare il mercato in molti quartieri.

Il focus è solo sulla pizza, a differenza dei tanti competitor serali che offrono spesso hamburger e patatine. Non mancano però i fritti, tra cui un marchio registrato: il “Qubotto”, l’ultimo uscito con tortellini, prosciutto cotto e spinaci al burro. Immancabili i supplì, i bocconcini di bufala e di pulled pork.  L’attenzione sulle materie prime è d’obbligo: olio Flaminio, prodotti sempre freschi dell’orto di fiducia di un contadino nella campagna laziale, i salumi umbri di David Salumi e le birre artigianali locali, tra cui Ritual Lab di Formello, non possono mancare.

Le pizze come da menu online sono suddivise in: classiche, romane, speciali, stagionali, fredde e dolci.  Le stagionali cambiano ogni tre mesi in base alle verdure dell’orto come la Creola, pulled pork cbt per 13 ore con rub di spezie che richiama la cucina creola, base fiordilatte, crema di cocco, mela bruciata e arachidi tostati; o l’ultima uscita Vignarola, pisellini in crema, fiordilatte, fave fresche saltate in padella, asparagi saltati in padella, carciofo fritto, guanciale in cottura, scaglie di pecorino. Tra le speciali la “MT Pizza” , mozzarella, funghi porcini, pancetta coppata, gorgonzola, prezzemolo.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Nessun cambio per la 50 Top Pizza. Un’altro ex aequo per Vitagliano e Martucci

La sua 10 Pizzeria di Bagnoli a Napoli condivide il gradino più alto del podio della 50...

I volti della Caputo‘s Cup al Coca-cola Pizza Village di Napoli

Al Coca-cola Pizza Village di Napoli abbiamo avuto modo di intervistare pizzaioli provenienti dai quattro angoli del...

In Sicilia la pizzeria Saccharum è la migliore per 50 Top Pizza

Non si fermano i riconoscimenti per Saccharum, pizzeria ad Altavilla Milicia, a pochi chilometri da Palermo, del pizzaiolo Gioacchino...

Da Svario la pizza romana si esalta con i cocktail

L’abbinamento tra pizza e cocktail è uno dei trend dominanti nella scena contemporanea. Per bilanciare alcuni topping...