spot_img
spot_img
spot_img
Primo PianoMauro Pozzer: "Impasti salutari...

Mauro Pozzer: “Impasti salutari e topping di nicchia, questa l’anima della pizzeria Alla Rotonda”

A Thiene, città situata in pedemontana vicentina, si trova la pizzeria di Mauro Pozzer che in pochi anni è riuscita a scalare le vette della qualità. Un progetto costruito sulla passione e sulla voglia di approcciare, con una nuova filosofia, il mondo dei lievitati.

Quando si parla di arte nel mondo della pizzeria d’eccellenza è necessario menzionare uno dei maestri che ha fatto subito parlare di sé grazie alle sue speciali creazioni: si tratta di Mauro Pozzer, maestro pizzaiolo nato a Schio. Mauro rappresenta la terza generazione di pizzaioli della sua famiglia; i suoi nonni, infatti, aprono negli anni ’70 la pizzeria “Europa – Bella Capri Da Pino” a Thiene, data in gestione negli anni ’80 ma nel 2000 rilevata nuovamente dalla famiglia Pozzer chiamandola pizzeria “Alla Rotonda” (Viale Europa 63 Thiene, Veneto – Tel. 0445 361333).

La vera innovazione inizia con Mauro quando nel 2004, dopo la scomparsa del padre, prende in mano le redini del locale, gestito insieme alla madre Rosaria e al fratello Andrea.

Il locale formato da due ampie sale è stato recentemente rinnovato in pieno stile industriale. I colori caldi e l’arredamento lo rendono molto accogliente e luminoso, dove spicca una mise en place semplice ma elegante, pronta a dare spazio al piatto e ai suoi colori.

LEGGI ANCHE: Corrado Scaglione: “Vi racconto la mia pizza napoletana, cuore pulsante di Lipen”

Sala interna

Grazie agli insegnamenti del padre, Mauro inizia un percorso professionale puntando sulla preparazione di una pizza contemporanea, utilizzando esclusivamente materie prime di qualità.

L’elemento che contraddistingue Pozzer è la preparazione di pizze identitarie della tradizione e del territorio in cui risiede e non solo, con un occhio di riguardo anche a chi desidera mangiare bene e salutare, senza perdere mai di vista l’essenza del gusto.

Una maestria acquisita grazie anche a numerosi e importanti corsi di formazione: nel 2011 si specializza in pizza in pala con la “Scuola Italiana Pizzaioli” e nel 2014 si diploma come master istruttore presso “Accademia Pizzaioli”. La sua passione lo spinge ad aprire un canale YouTube, chiamato “Mauro.Pizza”, un format innovativo con cui divulgare le sue conoscenze e aiutare la gente a preparare una buona pizza fatta in casa.

Importante la collaborazione con l’azienda siciliana Molini Riggi con cui ha organizzato varie dimostrazioni sui loro preziosi prodotti a base di grani antichi siciliani. Fino a diventare pizzaiolo ufficiale di casa Sanremo nell’edizione 2021.

Esperienze e corsi che gli hanno permesso di riuscire a trasmettere alla propria clientela la consapevolezza di una pizza dall’impasto ricercato e minuziosamente lavorato in ogni sua declinazione. Infatti, Alla Rotonda è possibile scegliere tra diverse tipologie: uno preparato con la Timilia una farina a basso indice di glutine lievitato con pasta madre, un impasto leggero e altamente digeribile; l’impasto nuvola una vera e propria chicca per gli amanti della buona pizza, a lenta cottura, cornicione croccante ma dal cuore morbido e alveolato, servito a spicchi. La base dell’impasto maturato per 72 ore è la carta vincente, arricchito poi da topping creativi e raffinati, capaci di soddisfare anche i palati più esigenti. Viene tagliata in 8 spicchi, preparati singolarmente per garantire un’esperienza unica di gusto.

E poi non poteva mancare l’impasto napoletano dal tipico cornicione lievitato e morbido.

La prelibatezza dei suoi impasti ha fatto breccia non solo tra i suoi numerosi clienti ma anche tra gli ispettori della rigorosa classifica di 50 Top Pizza. Infatti, lo scorso anno la pizzeria Alla Rotonda è stata inserita nella categoria Pizzerie Eccellenti 2022. Un riconoscimento che premia la ricercatezza e la passione per il suo lavoro, sempre pronto a stupire la clientela con succulenti creazioni, proprio come la sua nota pizza al Prosecco.

A tal proposito, abbiamo intervistato Mauro Pozzer per conoscere nel dettaglio la sua ricca e particolare offerta gastronomica.

Come definiresti le tue creazioni in termini di tipologia e dal punto di vista sensoriale?

Amo definire le mie pizze “creative”, nate da ricette che richiedono tanto studio e ricerca soprattutto nell’utilizzo delle materie prime. Ad oggi cinque sono le tipologie di impasto che si possono trovare nella mia pizzeria: l’impasto realizzato con grani antichi, il crunch kiss un bacio croccante tra due pizze e poi farcite, la contemporanea con il cornicione alto, e una proposta bilanciata per chi vuole stare attento alla linea e al benessere. Comune denominatore è la sensazione gustativa, un impasto croccante all’esterno e morbido al centro, avvolgente e ben alveolato.

Fondamentale anche l’uso di materie prime d’eccellenza per il topping: il radicchio tardivo in agrodolce, soppressa nostrana, crema al Prosecco e Parmigiano; pancetta cotta Toscana al miele, olive Taggiasche e molto altro ancora. Tutti ingredienti che fanno parte del nuovo menu e del nuovo focus della pizzeria: il mondo dell’agricoltura e le sue prelibatezze, ovvero la selezione di prodotti provenienti da piccole aziende agricole locali e nazionali.

Le farine Molini Riggi e le tecniche adoperate sono i tuoi elementi di forza per creare un impasto di qualità e ad alta digeribilità. Perchè?

La bontà e la fragranza di un’ottima pizza nascono dalla scelta della farina e dalle tecniche con cui vengono lavorate. Ecco perchè non ho avuto dubbi sulle farine Molini Riggi, una realtà agricola siciliana leader nel settore per il suo essere artigianale, che con la sua vasta gamma di farine mi aiuta nella formazione di pizze dal gusto unico, dal profumo intenso e dal sapore rotondo.

Speciale la tua pizza al Prosecco. Quando nasce e il perché di questa scelta?

Dopo diverse prove e mesi di sperimentazione è nata un’edizione speciale del lievitato Nuvola, la versione pizza al Prosecco realizzato dalla gelatinizzazione di Prosecco e farina. Come topping una tartare di manzo, crema di Prosecco e Parmigiano, salsa al tuorlo d’uovo e germogli di porro, in un mix di sapori che hanno il profumo del territorio. Si tratta di un’idea nata per valorizzare il territorio veneto e il suo prodotto d’eccellenza: il Prosecco, il vino italiano più esportato al mondo e oggetto di un’ampia e animata discussione anche in Europa dopo la richiesta pervenuta dalla Croazia di riconoscere il suo ‘Prosek’.

La tua pizzeria collabora con un nutrizionista per elaborare un programma unico nel suo genere. Di cosa si tratta?

Per coloro che vogliono mangiare bene senza rinunciare al gusto e stando attenti alle calorie, ho creato in collaborazione con un nutrizionista, un’offerta gastronomica composta da 9 pizze saporite e di alta qualità ma a basso impatto calorico.

Pizze pensate pensate per il fabbisogno giornaliero di una persona secondo un giusto equilibrio tra proteine, grassi e carboidrati. Un pasto completo, leggero e gustoso.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...