spot_img
spot_img
spot_img
PanificazioneLe Fontanelle, una brillante...

Le Fontanelle, una brillante e promettente pizzeria a Raffadali

La pizzeria agrigentina, gestita a Raffadali dalla famiglia La porta dal 2014, raccoglie tutta la tradizione e l’innovazione nella preparazione della pizza, deliziando così il palato dei suoi affezionati clienti.

La pizzeria “Le Fontanelle”, situata a Raffadali (AG) (Via Fontanelle 241 – Tel. +39 0922 30121), è una pizzeria che non troverete nelle guide blasonate ma possiamo garantirvi che andrebbe annoverata tra le pizzerie più interessanti in Sicilia e che gli appassionati gastronomi dovrebbero almeno una volta provare.

La storia dei La Porta comincia con Rino, maestro pizzaiolo che ha iniziato gestendo per 25 anni una pizzeria nella piazza centrale di Raffadali, nel tempo è cresciuto il figlio Vincenzo che affiancando il padre durante le varie preparazioni si è appassionato e successivamente ha deciso, sempre con l’aiuto della famiglia, di aprire “Le Fontanelle”.

In questi anni Vinecenzo La Porta, classe 1992, si è formato con diversi maestri pizzaioli, ha appreso tutte le tecniche del mestiere e fatto abbastanza esperienza, ha così deciso di cambiare impostazione di lavoro e preparazione degli impasti, così da dare una nuova filosofia e un’identità alla sua pizzeria.

Questa pizzeria è un’eccellenza poco conosciuta che grazie all’esperienza e alle tecniche acquisite di Vincenzo La Porta è riuscita a donare agli impasti una propria identità, tralasciando l’impasto tradizionale e proponendo un impasto napoletano con farine di tipo 0 e 1, lievito naturale e crusca con una percentuale di idratazione elevatissima 90% quasi e una maturazione che passa dalle 24 alle 48 massimo.

La terrazza del “Le Fontanelle”

La pizzeria è predisposta di un confortevole spazio interno con circa 100 posti, dalle pareti rivestite in pietra e con tetti molto alti, a cui si aggiunge un’area esterna dove sono dislocati la maggior parte dei posti, circa 250, che guardano le campagne del centro sicilia: il miglior modo per passare una fresca serata d’estate degustando delle buone e delicate pizze contemporanee. L’arredamento è rustico, la mise en place dei tavoli è stile ristorante, poca scelta di vini e birre ma la proprietà riferisce che saranno integrate a breve.

Le Fontanelle ai propri clienti offre tre tipi impasti: classico, preparato con un mix di farine di tipo 1 macinata a pietra, tipo 0 con maturazione 24/48 ore, un secondo di grani antichi siciliani macinati a pietra di cui timilia, russello e perciasacchi con una lievitazione e maturazione di 24 ore. Invece l’ultimo è un impasto particolare con farina di canapa, curcuma, interessante la fermentazione spontanea con semi di lino e mela. Assolutamente interessante la proposta di questi impasti che non sono banali anzi si caratterizzano per una propria ricerca al fine di ideare una pizza digeribile e sana.

La volontà della famiglia La Porta è quella di trasmettere alla propria clientela la consapevolezza della scelta di prodotti di qualità, infatti sia i prodotti da orto che l’olio sono di produzione propria a km0, questo gli permette di rispettare le stagionalità e la scelta della materia prima.

Abbiamo degustato per voi due delle quattro margherite presenti nel menù che vi possiamo assicurare troverete dal gusto deciso, intrigante e delizioso, quasi tutte le pizze hanno un bel cornicione e un acidità bilanciata che rappresenta il punto di forza del pizzaiolo.

La Classica è una normale margherita con i classici ingredienti semplici ma non scontati come pomodoro, mozzarella, basilico e olio evo.

La potremmo definire la pizza per eccellenza che ci tira su sempre il morale ed omaggia la nostra bandiera Italiana. Quella di Vincenzo La Porta si distingue per l’impasto morbido, ben lievitato ed idratato con alveolature sorprendenti ma soprattutto dal gusto delicato. Il condimento è ben equilibrato, di qualità e dai buoni sapori che ti lasciano soddisfatto al palato. Sicuramente le margherite in generale sono i punti di forza di questa pizzeria che vi consigliamo di provare con la degustazione delle margherite.

Margherita Sbagliata con ingredienti: pomodoro giallo alla base, mozzarella di bufala, olio e basilico.

Il tutto ruota intorno al concetto di proporre delle margherite differenti tra di loro, questa pizza è interessante, al palato ci risulta molto dolce e delicata con un’acidità molto bilanciata, ha un bel cornicione e la potremmo definire una pizza raffinata che valorizza la specificità del pomodorino giallo.

Una sintonia perfetta di sapori che con un impasto morbido e soffice rende questa pizza, appena inserita nel menù, un’esperienza unica.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Nessun cambio per la 50 Top Pizza. Un’altro ex aequo per Vitagliano e Martucci

La sua 10 Pizzeria di Bagnoli a Napoli condivide il gradino più alto del podio della 50...

I volti della Caputo‘s Cup al Coca-cola Pizza Village di Napoli

Al Coca-cola Pizza Village di Napoli abbiamo avuto modo di intervistare pizzaioli provenienti dai quattro angoli del...

In Sicilia la pizzeria Saccharum è la migliore per 50 Top Pizza

Non si fermano i riconoscimenti per Saccharum, pizzeria ad Altavilla Milicia, a pochi chilometri da Palermo, del pizzaiolo Gioacchino...

Da Svario la pizza romana si esalta con i cocktail

L’abbinamento tra pizza e cocktail è uno dei trend dominanti nella scena contemporanea. Per bilanciare alcuni topping...