spot_img
spot_img
spot_img
Il ProtagonistaLa versione della pizza...

La versione della pizza di scarola di Antonino Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo, chef stellato e noto personaggio televisivo, ha rivisitato la pizza di scarola, un’icona della tradizione culinaria partenopea.

Tra i piatti più celebri di Antonino Cannavacciuolo, chef con 7 stelle Michelin complessive e personaggio televisivo di programmi di successo come MasterChef di cui è giudice e Cucine da Incubo e Antonino Chef Academy di cui è assoluto protagonista, c’è la sua personalissima rivisitazione della pizza di scarola.

La pizza di scarola è un lievitato tipico della tradizione culinaria napoletana caratterizzato da una farcitura semplice e rustica, a base di scarola, acciughe, uva sultanina e pinoli. Il piatto che veniva mangiato tradizionalmente in occasione delle feste natalizie ora viene preparato tutto l’anno.

Vediamo ora la ricetta e il procedimento della versione della pizza di scarola di Antonino Cannavacciuolo

Impasto: sciogliere il lievito di birra in 50 ml di acqua tiepida (tra i 30 e i 40°). Lavorare in un robot da cucina la farina, il lievito, il latte e l’acqua rimasta. Aggiungere l’olio e dopo qualche minuto, verso la fine, il sale. Impastare fino a ottenere un composto liscio. Formare una palla e spostarla in una scodella ampia coperta con la pellicola. Lasciar lievitare per circa 2 ore a temperatura ambiente.

Pizza di scarola di Antonino Cannavacciuolo

Ripieno: Lavare con cura la scarola e asciugarla su carta assorbente, quindi tagliarla in pezzi di circa 3 cm. In una padella soffriggere in olio lo spicchio d’aglio privato dell’anima. Quando è dorato, eliminarlo e buttare nella padella le acciughe finché non si disfano. Unire la scarola, l’uva sultanina precedentemente ammollata in acqua e i pinoli. Aggiustare di sale e pepe. Cuocere per circa 5 minuti, scolare l’acqua in eccesso e lasciar raffreddare.

Successivamente bisogna dividere l’impasto lievitato in due parti uguali e stenderlo con un mattarello. Ungere una teglia rotonda e foderarla con una delle due parti di impasto; bucherellarla e riempirla con il ripieno. Chiudere il tutto coprendolo con la restante parte e bucherellarla. Spennellare con il tuorlo d’uovo leggermente diluito nel latte e infornare a 180° per circa 45 minuti. Lasciar intiepidire prima di servire.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Ciro Salvo raddoppia a Napoli e apre 50 Kalò in Piazza della Repubblica

A dieci anni dalla nascita di 50 Kalò, Ciro Salvo raddoppia in città. Una nuova pizzeria, concepita...

Orgoglio Veneto, una pizza in aiuto dei territori alluvionati della regione

Pizza creata da Dino Forlin per aiutare chi ha subito danni e chi sta lavorando per ripristinare...

I migliori 5 stand al Tuttopizza 2024. Le sorprese e le novità di questa edizione

Tuttopizza è divenuto il luogo dove vengono definite le tendenze del settore pizza in Italia e come in...

Da De Martino, Pavone, Palmigiano e Pellone. I cooking show di Molini Riggi al TuttoPizza 2024

In occasione della 7a edizione del "TuttoPizza" di Napoli vi raccontiamo i cooking show di questi giorni...