spot_img
spot_img
spot_img
NotizieLa pizza diventa lusso,...

La pizza diventa lusso, la pizza “Luigi XIII” dello chef Renato Viola

Nel panorama culinario contemporaneo, la pizza si è evoluta da semplice pietanza quotidiana ad opera d’arte culinaria. Esistono infatti pizze che raggiungono prezzi esorbitanti, frutto di una sapiente combinazione di ingredienti ricercati e maestria artigianale.

Dietro il costo elevato si cela un mondo di segreti:

  • Materie prime di altissima qualità: la selezione accurata di ingredienti pregiati, come caviale, diamanti o gamberoni rossi, rappresenta un elemento fondamentale per creare un’esperienza gastronomica senza precedenti.
  • Lunga lievitazione e lavorazione artigianale: la base della pizza viene sottoposta a un processo di lievitazione che può durare fino a 72 ore, conferendole una morbidezza e un sapore unici. Ogni dettaglio, dalla preparazione all’impiattamento, è curato con meticolosa attenzione.
  • Esclusività e raffinatezza: queste pizze sono spesso concepite come opere d’arte culinarie, destinate a un pubblico ristretto di intenditori che ricercano un’esperienza culinaria fuori dal comune.

Un esempio emblematico è la pizza “Luigi XIII” dello chef Renato Viola, Venduta al prezzo di 8.300 euro per due persone, rappresenta l’apice del lusso gastronomico. Ciò che rende questa pizza così straordinaria non è solo la maestria culinaria, ma soprattutto le materie prime utilizzate. La base, sottoposta a una lievitazione di 72 ore, diventa un’esplosione di morbidezza e sapore unico. Il sale australiano di Murray River e le tre diverse varietà di caviale, tra cui Oscietra Royal Prestige e Beluga Kaspia, sono solo alcune delle prelibatezze che la compongono.

LEGGI ANCHE: Mängata – Contemporary Pizza, una nuova tappa per i gourmands

Ma non finisce qui, gamberoni rossi, aragosta e cicala del Mediterraneo si uniscono a questo piatto per creare un’esperienza culinaria senza pari. Il tocco finale è dato dal Cognac, che conferisce un’ulteriore nota di raffinatezza. Ogni dettaglio, dall’elaborazione degli ingredienti alla presentazione estetica, è studiato con cura per garantire un’esperienza culinaria indimenticabile.

Questa pizza, simbolo di lusso e raffinatezza, rimane un sogno irraggiungibile per la maggior parte delle persone, ma rappresenta anche l’apice dell’arte culinaria e della creatività degli chef che superano ogni limite per offrire un’esperienza gastronomica unica nel suo genere.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Nessun cambio per la 50 Top Pizza. Un’altro ex aequo per Vitagliano e Martucci

La sua 10 Pizzeria di Bagnoli a Napoli condivide il gradino più alto del podio della 50...

I volti della Caputo‘s Cup al Coca-cola Pizza Village di Napoli

Al Coca-cola Pizza Village di Napoli abbiamo avuto modo di intervistare pizzaioli provenienti dai quattro angoli del...

In Sicilia la pizzeria Saccharum è la migliore per 50 Top Pizza

Non si fermano i riconoscimenti per Saccharum, pizzeria ad Altavilla Milicia, a pochi chilometri da Palermo, del pizzaiolo Gioacchino...

Da Svario la pizza romana si esalta con i cocktail

L’abbinamento tra pizza e cocktail è uno dei trend dominanti nella scena contemporanea. Per bilanciare alcuni topping...