spot_img
spot_img
spot_img
NotizieLa pizza, con i...

La pizza, con i dovuti accorgimenti, ottimo alimento anche durante la dieta

Mangiare una pizza è compatibile quando si segue un regime di dieta ma attenzione ai condimenti utilizzati.

Con l’arrivo di marzo e l’estate dietro l’angolo, scatta per tanti l’ora delle diete e degli allenamenti intensivi in palestra per perdere i chili di troppo accumulati durante i mesi invernali, in modo da farsi trovare pronti per l’agognata prova costume. Spesso tra gli alimenti eliminati c’è la pizza, amatissima dagli italiani, ma considerata altamente calorica.

In realtà non è proprio così e a spiegarlo, in un articolo di oggi della Gazzetta dello Sport, è stata la dottoressa Paola De Luca, nutrizionista presso RAF First Clinic e ricercatrice dell’IRCCS Ospedale Galeazzi-Sant’Ambrogio di Milano.

“La pizza – ha puntualizzato la la dottoressa Paola De Lucapuò essere preparata con ingredienti semplici e di qualità, specie se fatta in casa, costituendo una sana alternativa alle pizze dei fast food spesso più grasse e caloriche. Le calorie di una pizza variano dalle 700 alle 1500 kcal e dipendono dal tipo di impasto, di farina e di aggiunte extra. All’interno di una dieta ipocalorica non serve necessariamente limitarsi a una marinara, a base cioè di pomodoro e origano, ma si può optare per pizze margherite con l’aggiunta di verdure. Le pizze da evitare sono quelle con prodotti in scatola, spesso di scarsa qualità, o con salsiccia, bacon, wurstel e formaggi molto grassi. Bene invece per quella con bresaola, rucola e grana o verdure grigliate. Anche la prosciutto e funghi è una pizza da non bandire.”

“Per abbattere l’elevato indice glicemico apportato dalla pizza – ha proseguito la nutrizionista- ci vengono in aiuto le farine integrali, più salutari in quanto contengono una percentuale di fibra che manca nelle farine raffinate, le quali, oltre a essere più caloriche hanno anche un potere infiammatorio maggiore. Inoltre bisogna fare attenzione a non unire al pasto in cui si mangia la pizza anche le patatine e la birra o bibite zuccherate, tutti prodotti a elevato indice glicemico e forte potere calorico. Una buona abitudine è quella di mangiare prima della pizza un piatto di verdure crude e croccanti come finocchio o carote. In questo modo si limita l’assorbimento dei carboidrati della pizza oltre a raggiungere prima il senso di sazietà, evitando di dover ricorrere al dolce di fine pasto che andrebbe ad aumentare il carico calorico e di zuccheri ingeriti”.

In conclusione, quindi, la pizza con i dovuti accorgimenti è compatibile con la dieta.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Pizza Village 2024, Napoli esplode di gusto e musica

Il primo weekend del Pizza Village 2024 è un successo strepitoso, Napoli esplode di gusto e musica...

Pizza Week Milano 2024: il futuro della pizza è qui

Un'occasione unica per scoprire i segreti delle migliori pizze, le nuove tendenze del settore e gli abbinamenti...

Gambero Rosso presenta la Guida Pane e panettieri d’Italia 2025

La sesta edizione della Guida di Gambero Rosso è un elogio agli artigiani, capaci di far fronte...

Mario Nyari: “I giovani ungheresi vengono a Napoli per imparare i segreti della pizza”

Quest'anno abbiamo avuto il piacere di intervistare dei ragazzi che sono venuti a Napoli dall'Ungheria per imparare...