spot_img
spot_img
spot_img
PasticceriaLa pasticceria Bonci festeggia...

La pasticceria Bonci festeggia i 70 anni di attività

In provincia di Arezzo, la storica pasticceria Bonci è pronta a celebrare i primi 70 anni di attività e per l’occasione lancia una special edition di lievitati: i “Tronchetti” in versione Mojito e Arancia&Bitter.

Una vera particolarità, disponibile fino a settembre, che porterà una sferzata di novità alla pasticceria di Montevarchi. La Pasticceria Bonci è conosciuta dai golosi di tutta Italia per aver inventato il Panbriacone, che ha dato vita alla variante “Bria Tronchetto”: lievitati “ubriachi”, quindi bagnati nei vini passiti o in altri liquori.

Per questa ragione, non stupisce che la Pasticceria Bonci voglia festeggiare una ricorrenza tanto importante proprio con questa limited edition di tronchetti ubriachi, nati dalla collaborazione con la Caffetteria Piansa di Terranuova Bracciolini.

Si amplia così l’offerta della vasta gamma di gusti di uno dei prodotti iconici del brand, che saranno disponibili in negozio (via Vespucci 101) e online fino a settembre. Il Bria Tronchetto è caratterizzato da una bagna realizzata con diversi liquori, a seconda delle varianti, ed è caratterizzato da un impasto molto soffice e delicato, grazie all’uso di lievito madre conservato e rigenerato da oltre 60 anni

Il tronchetto deriva dalla ricetta originale dell’ammiraglia Panbriacone del 1995, dove la bagna avveniva con vini passiti della Toscana. Le nuove varianti prevedono una bagna con rum profumato alla menta e arricchito da scorze di limone e lime candite a mano nei laboratori di Pasticceria Bonci per il Bria Tronchetto Mojito; mentre per il Bria Tronchetto Arancia&Bitter propone un impasto arricchito con scorza di arancia candita a mano e bagnato con liquore all’arancia e Bitter. 

LEGGI ANCHE: Nasce la certificazione per i laboratori che usano il lievito madre da rinfresco

La Pasticceria Bonci ha una storia di tradizioni che inizia nel 1953 da un piccolo negozio di Montevarchi, nel cuore della Toscana aretina. Tutto ebbe origine con i nonni Giuseppe e Irma, e qualche anno più tardi sono i figli Silvio, Sergio e Alessandro a prendere in mano le redini dell’azienda, sviluppando insieme quella che oggi è riconosciuta come una delle pasticcerie artigianali più importanti della Toscana e non solo, arrivando a esportare le eccellenze pasticcere in molti paesi del mondo. 

Oggi a guidare la pasticceria sono Alessandro, uno dei figli del fondatore, e la terza generazione Bonci, con Gianluca, Gianmarco e Giulia che hanno dato un’ulteriore spinta alla produzione insieme al maestro cioccolatiere Michele Mezzasoma.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Pizza Village 2024, Napoli esplode di gusto e musica

Il primo weekend del Pizza Village 2024 è un successo strepitoso, Napoli esplode di gusto e musica...

Pizza Week Milano 2024: il futuro della pizza è qui

Un'occasione unica per scoprire i segreti delle migliori pizze, le nuove tendenze del settore e gli abbinamenti...

Gambero Rosso presenta la Guida Pane e panettieri d’Italia 2025

La sesta edizione della Guida di Gambero Rosso è un elogio agli artigiani, capaci di far fronte...

Mario Nyari: “I giovani ungheresi vengono a Napoli per imparare i segreti della pizza”

Quest'anno abbiamo avuto il piacere di intervistare dei ragazzi che sono venuti a Napoli dall'Ungheria per imparare...