spot_img
spot_img
spot_img
Il ProtagonistaLa migliore pizzeria della...

La migliore pizzeria della Sicilia è Ammodo del pizzaiolo palermitano Daniele Vaccarella

La pizzeria Ammodo di Palermo del pluripremiato pizzaiolo Daniele Vaccarella con oltre 2000 voti vince il titolo di Migliore Pizzeria di Sicilia 2023, il premio organizzato dal quotidiano online All Food Sicily, che ha visto partecipare 45 pizzerie in tutta l’Isola.

Una vittoria decretata anche dalla giuria di esperti, che ha apprezzato nel complesso la qualità dell’impasto, della lievitazione e della maturazione della pizza, il livello del servizio, l’accoglienza e la gradevolezza del locale. Una valutazione complessiva che rende merito al progetto imprenditoriale di un maestro pizzaiolo che ha improntato negli ultimi lustri la svolta del mondo della pizza contemporanea in Sicilia.

La pizzeria Ammodo viene inaugurata alla fine del 2022 a Palermo, e rappresenta la sfida personale di Daniele Vaccarella che dopo quarant’anni di esperienza maturata, che lo ha proiettato nell’olimpo del comparto, in ambito nazionale, ha deciso di mettersi in proprio, accettando una scommessa, che tenuto conto del prestigioso riconoscimento ottenuto su scala regionale, appare già vinta, in un lasso di tempo, peraltro, strettissimo.

Ammodo è la firma di Daniele Vaccarella su ogni pizza, una pizza d’autore di uno dei pizzaioli più apprezzati e rinomati nell’isola e non solo. La pizza di Vaccarella è fatta “ammodo” ed è frutto di un percorso ricco di esperienza, sperimentazione, ricerca e studio, di tenace determinazione e applicazione alla scienza degli impasti, in cui prefermenti e lievito madre sono i protagonisti assoluti. La carta degli impasti ha caratteristiche diverse: dal classico al semi integrale, dalla napoletana al padellino, dalla croccante alla soffice.

Le pizze sono ricercate, studiate ad hoc, con ingredienti locali scelti di elevata qualità, per un’esperienza davvero unica.Un precursore, un antesignano, un artigiano del gusto in grado di tracciare il percorso dell’innovazione, formando al contempo una nuova generazione di pizzaioli che hanno segnato il nuovo corso della pizza contemporanea. Nel 2017, infatti, Vaccarella ha creato una scuola di formazione: “Sicilian school of Pizza, sia per neofiti che per professionisti che attualmente conta circa 60 allievi.

LEGGI ANCHE:

“Nella mia storia professionale quarantennale – dichiara Daniele Vaccarella – ho ottenuto importanti riconoscimenti, ma vincere il premio di Migliore Pizzeria di Sicilia, a poco meno di un anno dall’apertura del mio locale, mi riempie di orgoglio. Questo premio intendo condividerlo con la mia famiglia, il mio staff e i miei fidelizzati clienti, che hanno, fin da subito, sostenuto la candidatura di Ammodo durante il contest. Un tributo di fiducia e designazione di capacità che sono risultati determinanti per la vittoria finale”.

“Un traguardo – chiosa Vaccarella che mi ripaga di anni di lavoro, formazione continua e specializzazione in un settore in continua evoluzione e che in definitiva mi rafforza nella convinzione di avere compiuto il passo giusto nel momento opportuno, ascoltando così le ragioni del cuore, della passione e soprattutto dei tanti estimatori che mi chiedevano di apporre la firma esclusiva di Daniele Vaccarella, nelle pizze di Ammodo”.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...