spot_img
spot_img
spot_img
HomePrimo PianoLa guida alle 5...

La guida alle 5 migliori pizzerie dove mangiare la pizza a portafoglio a Napoli

Icona dello street food napoletano, la pizza a portafoglio venduta su strada da pizzerie, panetterie, pasticcerie, rosticcerie è ad oggi uno dei piatti più venduti, difficile da resistere.

Contrariamente a quanto si pensi, la pizza a portafoglio non è antichissima, sicuramente non quanto la pizza classica. Pare sia stata inventata alla Pizzeria Port’Alba, fondata nel 1738 o meglio nel secondo dopoguerra, con il boom economico e la nascita di numerosissime pizzerie, molte delle quali riconvertite. La pizza a portafoglio (o libretto) nasce come pasto povero proprio come la pizza tradizionale, ma la vera differenza tanto da renderla il re street food partenopeo, è la possibilità di acquistarla a poco prezzo senza perdere la sua eccellente qualità.

Matilde Serao, scrittrice e giornalista partenopea nella sua opera Il ventre di Napoli, racconta l’origine della pizza a portafoglio descrivendola come una naturale evoluzione della classica pizza napoletana. Quest’ultima grazie alla sua incredibile morbidezza dell’impasto si presta perfettamente per essere piegata.

LEGGI ANCHE: Le motivazioni del riconoscimento della pizza napoletana patrimonio dell’UNESCO

La particolarità della pizza a portafoglio è che viene servita appena sfornata, lasciata poi aperta su un foglio di carta da forno o foglio anti unto, e poi piegata al momento dell’acquisto, così da mantenerla calda anche nei giorni più freddi. Delizioso il suo aromatico condimento, a base di salsa di pomodoro, mozzarella e basilico. La cottura poi avviene in forni a legna ad altissima temperatura per pochi minuti, il che conferisce alla pizza quel caratteristico aspetto dorato e leggermente bruciato.

Numerosi sono i locali dove degustare una succulenta pizza a libretto, in ogni angolo delle strade di Napoli, dai quartieri più popolari a quelli residenziali. Ecco che per chi ama scoprire e gustare questa prelibatezza, vi segnaliamo le 5 migliori pizzerie dove assaporarla.

L’Antica Pizzeria Di Matteo, sita in Via dei Tribunali 94 rappresenta un’istituzione nella storia della pizza napoletana tradizionale. Denominata “la pizzeria degli studenti” poiché ospitava ragazzi provenienti da tutta Italia per percorsi di studi a Napoli, oggi è divenuta tappa fondamentale per turisti nazionali e stranieri per la sua pizza napoletana e soprattutto la pizza a portafoglio da gustare al piano terra in cui avviene la vendita take away o al piano superiore dove sono presenti circa 120 posti a sedere.

Gino Sorbillo, uno dei grandi protagonisti internazionali della pizza napoletana, in tutte le sue creazioni ama cogliere l’essenza unica della tradizione partenopea. Oltre alla sua intramontabile pizza napoletana, nella sua selezionata offerta gastronomica non può mancare la pizza a portafoglio realizzata proprio come vuole la tradizione, secondo l’antica ricetta ereditata da Zia Esterina, la prima di 21 figli. È possibile gustarla nella storica sede in Via dei Tribunali e sul lungomare in Via Partenope.

Si tratta di una pizzeria storica e leggendaria a Napoli, dove la pizza si prepara da oltre cento anni. Sita nel quartiere Materdei, nasce prima come cantina, si trasforma poi in trattoria, friggitoria, pizzeria. Un locale amato dal popolo napoletano in cui l’arte della pizza napoletana e della sfiziosa pizza a portafoglio si tramanda da generazioni, fino ad arrivare oggi a Peppe e Mena Starita quarta generazione, con il padre Antonio, vice presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani.

La Pizzeria & Trattoria al 22 sita nel cuore della Pignasecca nasce da un’idea di Giovanni Improta e sua moglie Maria Frenna. Oggi la pizzeria porta il nome di Giovanni Improta, terza generazione di pizzaioli della Pignasecca che, come i suoi predecessori, porta avanti l’eccellenza della pizza napoletana e di quella a portafoglio, realizzata con materie prime di assoluta qualità nel rispetto della tradizione.

Dal 1960 a Porta Nolana, sede dello storico Mercato di Soprammuro, è la Pizzeria Tutino prepara la migliore pizza a libretto in quanto, si distingue non solo per le sue dimensioni ma soprattutto per la sua bontà: grande, gustosa e sempre appena fatta. La pizzeria dispone di un ampio locale su due livelli con tre forni, così da garantire sempre il massimo servizio per i suoi clienti.

Apertura recente è lo spin-off chiamato Crunch al civico 251 di Via Toledo. Un locale fronte strada piccolo, chiuso da una vetrina a bancone con in esposizione i tipici fritti partenopei. La particolarità è il balconcino su strada dove, come si faceva un tempo, scende un paniere con dentro i cibi ordinati, fritti o pizze a portafoglio. Un vero e proprio spettacolo. 

© Riproduzione riservata

Articoli correlati

Errico Porzio apre un’altra pizzeria a Nola in provincia di Napoli

Errico Porzio ha aperto l'ennesima pizzeria. Il locale si trova a Nola, sulla Variante 7 bis e...

Cédric Grolet, il pasticcere più famoso dei social, apre un nuovo bar a Parigi

Uno dei pasticceri più famosi al mondo e dei social, Cédric Grolet, apre un nuovo bar a...

Giorgio Cecchini vince la puntata dedicata all’Umbria de Il Forno delle Meraviglie in onda su Real Time

Giorgio Cecchini, proprietario del Forno “Cecchini dal 1958” di Marsciano, a vincere l’ultima puntata de “Il Forno...

Arriva la pizza con lo champagne al posto dell’acqua nell’impasto

Due bottiglie di Veuve Clicquot Brut vengono utilizzate per creare un'impasto per un totale di circa 30 pizze. I proprietari...