spot_img
spot_img
spot_img
NotizieInno alla dolcezza nella...

Inno alla dolcezza nella giornata mondiale della torta

Lo Chef Giuseppe Mulargia regala la ricetta di una deliziosa torta per celebrare uno dei dolci simbolo dei momenti di festa

La Giornata Mondiale della Torta il 17 marzo, o World Cake Day in inglese, è una giornata celebrata in diverse parti del mondo dedicata alla gioia e al piacere di gustare e condividere torte di ogni tipo. Questa giornata è un’occasione per celebrare la cultura culinaria, l’arte della pasticceria e per riunire amici, familiari e comunità intorno a una deliziosa fetta di dolce. In occasione della Giornata Mondiale della Torta, lo Chef Giuseppe Mulargia del Ristorante Le Spighe del Grand Hotel Palatino di Roma offre una ricetta gustosa e irresistibile, un capolavoro di sapori e colori: la Torta Mimosa con Frutti Rossi.

La Giornata Mondiale della Torta è stata istituita nel 2015, e si celebra ogni 17 marzo. Questa iniziativa è nata con l’intento di diffondere la gioia della preparazione di dolci in tutto il mondo, soprattutto tra coloro che non sono soliti farlo o non hanno molta esperienza in materia.

L’obiettivo principale di questa giornata è quello di mostrare quanto possa essere divertente e gratificante preparare torte o biscotti, e come questo possa rappresentare un’attività piacevole da condividere con la propria famiglia.

La storia della cottura al forno risale a oltre 14.000 anni fa, dimostrando l’importanza fondamentale di questa pratica nella storia dell’umanità. Le prime testimonianze di fornai risalgono alla Giordania antica, dove si preparavano focacce che successivamente venivano utilizzate per avvolgere la carne, dando vita al primo sandwich. Durante l’epoca romana, i prodotti da forno, sia dolci che salati, erano ampiamente diffusi e popolari durante i banchetti e le feste.

Dal medioevo, molti dei dolci che ancora oggi gustiamo hanno le loro radici in quel periodo storico. Con l’avvento della tecnologia, soprattutto nel XIX secolo, i forni e le tecniche di cottura sono stati notevolmente perfezionati, contribuendo alla diffusione su larga scala dei prodotti da forno.

L’usanza della torta di compleanno ha radici essenzialmente pagane, derivando da due civiltà antiche: gli Egiziani e i Persiani. Gli Egiziani utilizzavano la torta come un mezzo per onorare il giorno di nascita del Faraone, omaggiandolo con un cibo squisito.

La Torta Minosa con frutti di bosco dello Chef Giuseppe Mulargia è una combinazione perfetta di pan di Spagna leggero e soffice, crema pasticcera vellutata e frutti rossi freschi che esplodono di gusto in ogni boccone.

  • 5 uova intere
  • 150 g di zucchero semolato
  • 75 g di farina 00
  • 75 g di fecola di patate
  • Scorza di limone q.b.
  • 150 g di tuorli
  • 150 g di zucchero semolato
  • 500 ml di latte intero
  • 125 g di panna fresca
  • 25 g di amido di mais
  • 25 g di amido di riso
  • 1 bacca di vaniglia
  • Buccia di limone e arancia q.b.
  • Fragole, ribes, more, lamponi q.b. per la guarnizione
  • 200 ml di acqua
  • 100 g di zucchero semolato
  • 50 ml di liquore a piacimento (Grand Marnier, Strega, Rum) (opzionale)

LEGGI ANCHE: Cucchie, cuccidati e pizzichintì: i dolci madoniti delle feste

Preparare la bagna facendo bollire acqua, zucchero e liquore fino allo scioglimento completo dello zucchero. Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Incorporare gradualmente le farine e la scorza di limone. Cuocere il pan di Spagna in una tortiera a 170°C per 20/25 minuti. Far raffreddare. Preparare la crema pasticcera portando a ebollizione latte, panna, vaniglia e buccia di limone/arancia con metà dello zucchero. Mescolare tuorli, zucchero e amidi, quindi unire al latte bollente e cuocere fino a ottenere una crema liscia. Far raffreddare. Tagliare il pan di Spagna orizzontalmente in tre dischi. Bagnare il primo disco, spalmare un terzo della crema e disporre la frutta. Ripetere l’operazione e terminare con la crema. Guarnire la torta con dadolata di pan di Spagna e frutta fresca. Far riposare la torta per mezz’ora prima di servire.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...