spot_img
spot_img
spot_img
PanificazioneForno Brisa, nasce la...

Forno Brisa, nasce la prima public company nel mondo della panificazione

Una speciale raccolta fondi realizzata da Forno Brisa di Bologna, che nel giro di due mesi ha raccolto 3 milioni e mezzo di euro grazie alla campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma MamaCrowd per creare, quella che si può considerare, la prima public company in Italia nel settore della panificazione.

Una continua crescita nel rispetto dei valori artigiani senza mai perdere l’autenticità e l’attenzione per la qualità delle materie prime, è questo l’obiettivo di Forno Brisa che lo scorso dicembre ha lanciato una campagna di equity crowdfunding con il sogno di dare vita a un’impresa collettiva insieme alle migliori realtà del settore.

Dopo aver raggiunto i 3,5 milioni di euro, adesso il gruppo punta al nuovo target di 4 milioni, così da velocizzare i percorsi di crescita e realizzare nuovi progetti. Primo fra tutti, il Mulino Collettivo in Abruzzo, dove verrà macinato il grano che il forno bolognese e il gruppo di panettieri con cui lavora coltivano nei propri terreni. La digitalizzazione delle bakery è poi un altro passo fondamentale.

“Essere una public company – spiega Pasquale Polito, cofondatore insieme a Davide Sarti di Breaders srl (insegna commerciale di Forno Brisa) – significa rinunciare all’idea tradizionale dell’impresa dove c’è un padrone: esistono dei soci fondatori, ma anche tutti gli altri soci che entrano diventano proprietari. A breve, saremo quasi mille. Una vera e propria public company del pane, quindi, probabilmente la prima in Italia”.

Cambiano gli ingredienti ma non le tradizioni come la possibilità di panificare di giorno, un consuetudine che ha avvicinato tanti giovani al laboratorio stimolando la nascita di una nuova generazione di fornai. A contribuire a questo processo, tanti professionisti del settore e non, con i quali Forno Brisa sta costruendo un nuovo modello di impresa orizzontale, come Davide Longoni a Milano, Matteo Piffer di Panificio Moderno di Rovereto, Francesca Casci Ceccacci di Pandefra a Senigallia, Roberto Notarnicola di Mamm di Udine, Luigi Morsella del Mercato del Pane di Pescara.

Per raccontare e far conoscere gli obiettivi del crowdfunding, Brisa ha intrapreso un tour nel mese di febbraio in varie città italiane. I prossimi appuntamenti saranno a Pescara – all’Accademia del Caffè Espresso Marzocco (martedì 21 febbraio), Pollenzo – all’Università di Scienze Gastronomiche di Slow Food (lunedì 27 febbraio) e Udine – da Mamm Ciclofocacceria (data ancora da definire).

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

Ciro Salvo raddoppia a Napoli e apre 50 Kalò in Piazza della Repubblica

A dieci anni dalla nascita di 50 Kalò, Ciro Salvo raddoppia in città. Una nuova pizzeria, concepita...

Orgoglio Veneto, una pizza in aiuto dei territori alluvionati della regione

Pizza creata da Dino Forlin per aiutare chi ha subito danni e chi sta lavorando per ripristinare...

I migliori 5 stand al Tuttopizza 2024. Le sorprese e le novità di questa edizione

Tuttopizza è divenuto il luogo dove vengono definite le tendenze del settore pizza in Italia e come in...

Da De Martino, Pavone, Palmigiano e Pellone. I cooking show di Molini Riggi al TuttoPizza 2024

In occasione della 7a edizione del "TuttoPizza" di Napoli vi raccontiamo i cooking show di questi giorni...