spot_img
spot_img
spot_img
Il ProtagonistaÈ napoletano il miglior pizzaiolo...

È napoletano il miglior pizzaiolo del tour italiano de La Città della Pizza 2023

Anche quest’anno La Città della Pizza si conferma l’appuntamento di riferimento per il pubblico romano, nonché un palcoscenico prestigioso per i volti affermati dell’arte bianca e i pizzaioli emergenti più talentuosi selezionati nelle 5 tappe del tour in giro per l’Italia.

Un fittissimo calendario di eventi, con 20 laboratori e decine di incontri ma soprattutto con 10 “case” che nel weekend hanno sfornato 26 mila tra pizze e fritti, conquistando il palato degli oltre 32 mila pizza lover accorsi nella bellissima location di Arco di Travertino che ha accolto l’edizione 2023 della manifestazione. Un lavoro di squadra che ha visto all’opera oltre 50 pizzaioli e numerosissimi addetti ai lavori e professionisti del settore e che ha coinvolto grandi e piccoli appassionati (tutti sold out i kidslab, gestiti dall’Associazione Verace Pizza Napoletana) alla scoperta di tutti i segreti e tutti i sapori del mondo della pizza. 

Tra i tanti momenti clou del weekend la proclamazione del pizzaiolo vincitore del tour nazionale de La Città della Pizza 2023. A conquistare il primo gradino del podio è stato Carmine Apetino, 24 anni, dell’Antica Pizzeria D’e’ Figliole di Casoria: un nome storico della pizza fritta partenopea di cui Carmine e il fratello Genny – che da circa dieci anni hanno aperto il loro locale nella cittadina della periferia di Napoli, in via Giosuè Carducci 28 – rappresentano la sesta generazione, oltre ad essersi già guadagnato un posto nel corpo ”docenti” di AVPN dove insegna l’arte della Vera Pizza Napoletana.

LEGGI ANCHE: La Città della Pizza 2023 arriva a Napoli

Carmine è cresciuto in pizzeria accanto al padre, e a 16 anni ha iniziato a lavorare “in prima linea” insieme al fratello, ed è stato l’unico concorrente delle tappe di selezione a proporre la pizza fritta, conquistando prima la giuria e poi anche il pubblico dell’evento romano con la Pizza Fritta Completa (Ricotta, Fior di latte Latteria Sorrentina, Cicoli napoletani, Pomodoro Cirio Alta Cucina). Nel loro locale i fratelli Apetino portano avanti la tradizione, che considerano un punto di forza, ma con uno sguardo rivolto al futuro, prestando attenzione particolare al bilanciamento dei sapori; mentre Carmine ha in programma a breve anche un’esperienza all’estero, destinazione Houston, Stati Uniti.

“La Città della Pizza è stata per me un’esperienza fantastica, certamente impegnativa come è giusto che sia quando le cose sono fatte in maniera seria” – commenta il giovane pizzaiolo, Carmine Apetino – “La cosa che mi è piaciuta di più è stata la trasparenza del concorso”. Infatti, il punteggio finale è stato calcolato sommando i voti dati dai pizza lover corsi ad assaggiare la pizza, al numero di pizze vendute (due splendide interpretazioni di pizza fritta) e al punteggio tecnico ottenuto durante la selezione iniziale nella tappa di Napoli.

© Riproduzione riservata

spot_img
spot_img
spot_img

Articoli correlati

La Guida agli Extravergini 2024: da 24 anni uno strumento per far conoscere oli, storie e territori

Un lavoro di squadra: 125 collaboratori in tutta l'Italia hanno recensito 686 aziende segnalando 1071 oli extravergini...

La pizzeria l’elementare fa poker: apre nella capitale la quarta sede a testaccio

La pizzeria L'elementare continua la sua espansione nella Capitale, e apre la sua quarta sede a Testaccio. Segue inarrestabile...

Pasquale Miele, da Mirandola al Campionato Mondiale della Pizza

Pasquale Miele, patron della pizzeria "Da Pasquale" di Mirandola, in provincia di Modena, un vero e proprio tempio della...

La sfogliatella si fa salata, un’eresia o una felice contaminazione?

La sfogliatella, nata come dolce conventuale con la forma che ricorda il cappuccio di un monaco, si...